Cassino, lo skate park torna fruibile: via erbacce e rifiuti

Cassino, lo skate park torna fruibile: via erbacce e rifiuti
di autore Redazione - Pubblicato: 29-06-2023 00:00

IL FATTO - Operai del settore Manutenzione del Comune in azione dopo la denuncia sullo stato di abbandono dell'area

Lo skate park oggi dopo la pulizia

Dopo un lungo periodo di incuria, lo skate park di Cassino torna finalmente fruibile. Nei giorni scorsi da queste colonne avevamo denunciato le condizioni indecorose nelle quali versava lo skate park e soprattutto i giardini antistanti, con le panchine completamente avvolte dalla folta vegetazione che rendevano impossibile l'accesso alla struttura sportiva. Si tratta di un luogo che è stato valorizzato nel 2016 a poche settimane dal voto per il rinnovo dell’amministrazione comunale: un’opera di street art, e il verde dei giardini al posto del parcheggio delle auto, avevano dato nuova linfa a quel luogo, frequentato da molti giovani e giovanissimi. Per anni è stato un punto di aggregazione per molti ragazzi.

Poi, pian piano, la manutenzione è divenuta sempre più carente: non è mai stato in cima alle priorità dell’ex sindaco D’Alessandro - che nel 2016 alle urne aveva battuto Giuseppe Golini Petrarcone, il sindaco uscente che aveva inaugurato l’opera sul finire della sua consiliatura - e anche in questi anni di amministrazione Salera ha perso lo smalto iniziale, infatti non sono più state organizzate iniziative in quel posto.

Lo skate park durante l'opera di pulizia e bonifica

Negli ultimi mesi l’abbandono era diventato totale, con erbacce e rifiuti in evidenza. A 24 ore di distanza dall’articolo pubblicato sulle nostre colonne, l’amministrazione comunale si è dunque adoperata per ripulire l’area e renderla quantomeno fruibile e decorosa. L’assessore alla Manutenzione Pierluigi Pontone spiega che "quell' area è in concessione per quanto riguarda il verde e che a causa del meteo avverso nonché di organizzazione, l’erba era diventata talmente alta che si è dovuto ricorrere all’aiuto dei mezzi comunali. Tali mezzi - sottolinea l’assessore - appena possibile, ovvero nella giornata di ieri, sono intervenuti per ripristinare il decoro”.

Perché la pulizia dell’area è in concessione, trattandosi di un’area comunale? Dagli uffici del Comune fanno sapere che nel 2016 il progetto denominato “Quinto Ponte” era nato in collaborazione tra il Comune, l’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale e l’Skf, azienda che ha finanziato il murales realizzato da Lonac, artista di livello internazionale. Alla SkF, la multinazionale che si trova dinanzi il lo skate park, sarebbe stata affidata anche la cura del verde, pertanto dal Municipio si tende a minimizzare le responsabilità del settore Manutenzione. Resta il fatto che la zona è poco valorizzata, non vengono organizzati eventi in quel luogo e sono sempre meno i ragazzi che si ritrovano allo skate park. Certamente, dopo la pulizia di ieri mattina, sarà più facile per chi vorrà tornare a frequentare la zona, anche solo per accomodarsi sulle panchine, che sembravano essere scomparse sepolte dal verde della vegetazione.

Lo skate park fino a ieri mattina prima della pulizia





Articoli Correlati


cookie