Operai a rischio licenziamento, scatta lo sciopero

Economia - Domani alle 5.30 il sit-in degli addetti della De Vizia dopo l'annuncio di Stellantis della revoca dell'appalto. La Uilm in prima linea al fianco dei lavoratori

Operai a rischio licenziamento, scatta lo sciopero
di autore Alberto Simone - Pubblicato: 25-02-2024 20:04 - Tempo di lettura 3 minuti

Ancora un duro colpo per l’indotto di Fca di Cassino. La dirigenza di Stellantis ha revocato l’appalto alla De Vizia: il contratto sarebbe scaduto il 31 dicembre di quest’anno, ma l’azienda ha deciso di internalizzare il servizio e quindi ha comunicato alla De Vizia con 30 giorni di anticipo la cessazione del contratto.

Tradotto in numeri significa che dal prossimo 14 marzo altri 33 lavoratori saranno senza lavoro. A salire sulle barricate è la Uilm di Francesco Giangrande che annuncia mobilitazioni e scioperi ad oltranza.

Il segretario Gennaro D'Avino annuncia che domani mattina, lunedì 26 febbraio, a partire dalle 5.30 ci sarà lo sciopero degli addetti della De Vizia.

Spiega il leader del sindacato: “Anzitutto, solo volendo stare alla forma, trattandosi di un’azienda con più di 15 dipendenti la comunicazione doveva avvenire 75 giorni prima e non 30. Ma quello che più preoccupa è la sostanza, perché non ci troviamo di fronte ad un cambio appalto ma di fronte al fatto che Stellantis vuole fare in modo che siano gli addetti interni ad occuparsi di pulizie dove finora ha operato una ditta qualificata e specializzata nel settore.

 

E ancora, spiega il leader della Uilm: “Stellantis paga pegno di inaffidabilità. A scontare queste decisioni che penalizzano l’indotto sono come sempre i lavoratori e di fronte a questa situazione noi non possiamo certo rimanere in silenzio"





Articoli Correlati