"Cassino città ad impatto positivo", premiati i vincitori

"Cassino città ad impatto positivo", premiati i vincitori
di autore Redazione - Pubblicato: 25-05-2023 12:00

SCUOLA - All'Itis la cerimonia con la presentazione dei progetti: ecco tutti i partecipanti. L'orgoglio del dirigente Pasquale Merino: "Il Majorana è un istituto tecnico eccellenza del Lazio"

“Cassino città ad impatto positivo”: all’Itis Majorana di Cassino sono stati illustrati e premiati i progetti realizzati dagli studenti. Il progetto è nato dalla collaborazione tra la PMG Italia Società Benefit, il Comune di Cassino, la Fondazione Conad, l’ITIS Majorana e un gruppo di imprenditori del territorio con lo scopo di promuovere la diffusione di una cultura inclusiva e comportamenti ad impatto positivo. 

Una “rete” nata dalla volontà di chi ritiene che il lavoro di squadra sia necessario per migliorare la vita dei cittadini. Un progetto   che permette alla città di Cassino di iniziare un percorso virtuoso in campi che spaziano dalla sostenibilità, al sociale, all’istruzione.  Lo scorso mese di aprile c’è stato il lancio del progetto proprio presso l'Itis ‘Majorana’. Gli studenti hanno partecipato ad una sessione formativa e di sensibilizzazione sui temi della responsabilità sociale e d’impatto positivo.

Agli studenti del ‘Majorana’ è stata proposta un’attività di elaborazione di un progetto innovativo ad impatto positivo, attinente le tematiche discusse. Le idee progettuali sono state dunque  esposte nel corso del secondo incontro che si è svolto nei giorni scorsi sempre presso l’Itis Majorana di Cassino alla presenza dei rappresentanti della PMG, Fondazione Conad e Comune di Cassino e degli ambasciatori delle aziende sostenitrici. Ben 22 i progetti presentati dagli studenti e 10 le borse di studio assegnate.

Forte e viva la partecipazione dei giovani che si sono amichevolmente sfidati per la conquista degli ambiti premi. Lavori spesso creati in collaborazione tra studenti appartenenti a diversi indirizzi di studio che hanno da una parte favorito la coesione tra “i progettisti in erba” e dall’altro hanno permesso ad ognuno di mettere a disposizione degli altri le proprie capacità e competenze.

Progetti innovativi che hanno messo in luce creatività e valide competenze tecniche. Difficile, se non arduo, il compito della giuria che ha valutato i lavori che ha visto salire sul gradino più alto del podio lo studente Francesco Di Sano con il progetto “Horizon: app ecosostenibile”. Secondo classificato il progetto “Vision All Majorana” ideato da Colavecchia Andrea, De Rosa Luigi, Laurenza Gianluca, Maciotta Alessandro, Mase Andrea Pio, Masiello Germano Pio, Mastronicola Jacopo e Pietrantuono Claudia. Sul terzo gradino del podio il progetto “Wake Up” creato da Carmina Giangrande, Jessica Silottini, Andrea Lia e Mattia Pirraglia.

TUTTI I PARTECIPANTI





Articoli Correlati