Gli studenti dell’I.I.S. Medaglia d'Oro di Cassino hanno incontrato lo scrittore Antonio Riccardi

Gli studenti dell’I.I.S. Medaglia d'Oro di Cassino hanno incontrato lo scrittore Antonio Riccardi

SCUOLA - Presentato il libro "L'Odissea di Angelo Riccardi". La referente del progetto è la docente Marialuisa Calabrese

di Francesca Messina

Gli studenti dell’I.I.S. Medaglia d'Oro hanno incontrato il professore Antonio Riccardi autore del libro “L’Odissea di Angelo Riccardi” - Dalla Grecia ai Lager Nazisti -, scritto sulla commovente storia del padre insignito, nel 2018, della “Medaglia d’Onore” alla memoria dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per non aver collaborato con il nazifascismo. L’evento si è tenuto nei giorni scorsi ad un anno esatto dall'inizio della guerra in Ucraina, a conclusione del progetto “La memoria educa” con gli alunni delle classi 5^A, 4^B, 3^D, 2^AA, 5^D, 5^B e 2^D.  

La referente del progetto e moderatrice dell'evento, la professoressa Marialuisa Calabrese, dopo i saluti, ha rivolto un vivo ringraziamento alle colleghe Paola Di Meo, Sabrina De Rosa, Daniela Iacovella, Paola Perillo e alle classi che hanno partecipato al progetto. Dopo aver ringraziamo e salutato con affetto il docente di diritto Antonio Riccardi, presente in veste di scrittore e ospite d’onore, ha spiegato: "questo progetto è nato all’inizio dell’anno scolastico, i ragazzi ogni anno leggono un libro per poi incontrare l'autore. Il lavoro svolto durante questi mesi è stato intenso, il libro ci ha dato l'opportunità di approfondire la questione ucraina, di recuperare la memoria storica del nostro territorio, con l'obiettivo di trasmettere un messaggio di pace e con la speranza che i responsabili di questa terribile guerra possano intraprendere la strada del dialogo. Il coinvolgimento emotivo da parte dei ragazzi è stato forte, attraverso il processo d'identificazione hanno cercato di comprendere appieno gli stati d'animo provati dal protagonista. Ed è così che, spontaneamente, è nato un laboratorio di scrittura creativa. Durante il mese di dicembre  gli studenti della 5ªD - ha continuato la docente - "hanno elaborato i dialoghi e oggi siamo qui per presentarvi «Il viaggio di Angelo». Ringraziamo, inoltre, gli educatori dell’assistenza specialistuca Luca Carlomusto per la regia  e Valentina Cornacchia, costumista, per la preziosa collaborazione, il prof. Annibale Cuffa che si è reso disponibile a vestire i panni di Angelo anziano e Luciano Bucci del museo Winterline, che ha fornito l’uniforme che indossa Angelo giovane.

Dopo i saluti del dirigente scolastico dell'IIS Medaglia d'Oro “Città di Cassino”, sono intervenuti il sindaco di Cassino Enzo Salera, e l'Avv. Sergio Messore, Sindaco di Sant'Ambrogio sul Garigliano, che hanno evidenziato l'importanza della realizzazione di tali eventi affinché i giovani diventino seminatori di pace e di memoria per vivere tutti in un mondo più giusto, migliore e di pace. Ricco di significato l’intervento dell'avvocato Roberto Molle, presidente dell'Associazione "Battaglia di Cassino" che, attraverso le toccanti storie di alcuni soldati, ha ripercorso momenti salienti della storia del nostro territorio. Intervento introdotto da un canto popolare interpretato da Valentina Ferraiolo, cantautrice e tra le percussioniste più affermate del panorama nazionale.

 La dottoressa Filomena Citro, Psicologa e Psicoterapeuta, che durante le attività ha incontrato gli alunni per commentare insieme alcune pagine del libro, ha focalizzato l’attenzione sulla resilienza, capacità che ha l’individuo di adattarsi alle situazioni più critiche.

Presenti all'evento, patrocinato dalla Banca Popolare del Cassinate, anche il professore Gaetano De Angelis Curtis del "Centro documentazione e studi del cassinate", Pino Valente dell'Associazione "Cassino Mia", Nino Rossi dell’Associazione “Cassino città della pace”, il Difensore Civico del Lazio Marino Fardelli, Luciano Bucci del museo “Winterline“di Venafro, Luigi Maccaro responsabile della fondazione Exodus di Cassino, il consigliere Bruno Galasso,  Franco De Rosa, mental coach del centro Exodus e Valentina Ferraiuolo dell'associazione "Tamburo rosso".

A conclusione è stato letto uno stralcio del compito dell’alunna Ramona Catallozzi che racchiude un po’ il pensiero di tutti gli studenti che in questi mesi hanno prodotto recensioni  compiti in classe sull’opera. 

Infine, gli studenti hanno omaggiato il prof Antonio Riccardi con un disegno realizzato da un'alunna della 5ª D durante il laboratorio di scrittura creativa e che è stato riprodotto su tela.

Giulia Carambia ha interpretato l'emozionante e coinvolgente “Beatiful That Way" di Noa, un inno alla speranza per un mondo più giusto, un po’ più umano e profondo.

L'evento è stato aperto da una rappresentazione teatrale, frutto di un laboratorio di scrittura creativa realizzato dalla classe 5^D coordinata dalla docente Marialuisa Calabrese. Un susseguirsi di emozioni per la drammatizzazione messa in scena che ha ripercorso il calvario di Angelo, il protagonista del libro, deportato nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale. Il pensiero non poteva che andare anche al popolo ucraino che ha vissuto dodici mesi di devastazione, terrore, sofferenze e atrocità.

Questi i nomi dei protagonisti della drammatizzazione:

-Classe 5ª D: Carmen Vitale, Adrian Bascriacea, Marco Lombardi, Gaston Ignacio Sabotig, Sara Marrocco, Luana Angelone, Anastasia Grieco, Mattia Carnevale, Gaia Mella.  

-Classe 5ª B: Roberta De Santis, Giulia Oralli, Alex Pandelica.

-Il professore Annibale Di Cuffa nei panni di Angelo Anziano che in un flusso di ricordi evoca la sua giovinezza e la tragedia vissuta.

- Gaston Ignacio Sabotig ha interpretato Angelo giovane





Articoli Correlati


cookie