Fca, piena occupazione ancora lontana: prorogata la "solidarietà"

Fca, piena occupazione ancora lontana: prorogata la "solidarietà"
di autore Alberto Simone - Pubblicato: 27-07-2023 00:00

ECONOMIA - La scadenza fissata al 31 luglio è stata prorogata al mese di marzo del 2024.Da oggi un lungo stop fino al 23 agosto. Intanto il ministro Urso ha convocato un tavolo sull'automotive. Il consigliere regionale Daniele Maura: "La Regione Lazio farà la sua parte". Saxa Gres, ammortizzatori sociali in scadenza e nessuna certezza per il futuro, lunedì un vertice

Piena occupazione ancora lontana nello stabilimento Fca Cassino Plant. La direzione dello stabilimento Stellantis di Piedimonte San Germano ha infatti annunciato che i contratti di solidarietà in scadenza il 31 luglio sono stati prorogati al 14 marzo del 2024. A non interessati dal provvedimento sono solamente gli operai del centro presse e reparto plastica, che lavorano anche per il Tonale di Pomigliano.

Dalla Regione, intanto, arriva un segnale importante per quel che riguarda lo stabilimento Stellantis. Il ministro Urso ha convocato un tavolo con tutti i presidenti di Regione dove ricadono gli stabilimenti italiani del gruppo Fca. “Esprimo soddisfazione per questa ulteriore convocazione del tavolo, che dà continuità all’obiettivo di dialogare con Stellantis per arrivare a condividere un progetto industriale di sviluppo di ampio respiro e di lungo termine. La priorità - dice l’assessore allo Sviluppo economico e vicepresidente della Giunta regionale Roberta Angelilli - è innanzitutto salvaguardare i livelli occupazionali, lavorando al rilancio dell’attività industriale, definendo nuovi modelli innovativi e competitivi nel settore dell’automotive".

Angelilli ha anche sottolineato l'importanza strategica di mantenere e rafforzare l’industria automobilistica nel Lazio, allo scopo di promuovere lo sviluppo sostenibile del settore automobilistico e tutelare l'occupazione nello stabilimento di Cassino a Piedimonte San Germano. La Regione Lazio condivide con il Ministero delle Imprese e del Made in Italy l’impegno per garantire e incrementare la produzione, implementare la ricerca, stimolare nuovi investimenti, promuovere un progetto di transizione energetica. Infine - conclude - occorre lavorare nella direzione della riconversione delle competenze a garanzia di una piena occupazione".

Il consigliere regionale Daniele Maura palude all'iniziativa e dice: "Voglio ringraziare il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso per la convocazione Interistituzionale per il rilancio del settore dell’automotive. Il dialogo con Stellantis, per cercare di arrivare a condividere un progetto industriale di sviluppo di ampio respiro e di lungo termine, è fondamentale".

Prosegue Maura: "La Regione Lazio, grazie al lavoro che sta portando avanti l’assessore Angelilli, sarà parte attiva per fare in modo che si possa garantire e incrementare la produzione, stimolare nuovi investimenti, promuovere un progetto di transizione energetica, capace di garantire anche l’occupazione. " Per la nostra provincia il settore dell’industria automobilistica è un asse portante, con Stellantis e l’indotto si dà lavoro a migliaia di famiglie; pertanto ci impegneremo per salvaguardarlo".

E intanto, sempre per quel che riguarda Fca ieri è stato comunicato che oggi e domani ci sarà un fermo produttivo, ad esclusione delle presse, legato a mancanza di materiale, mentre sono stati aggiunti due giorni di ferie: il 21 e il 22 agosto, che vanno a sommarsi al periodo già previsto (31 luglio-18 agosto). Da oggi parte dunque un lungo stop di quasi un mese: gli operai torneranno in fabbrica il 23 agosto.

VERTENZA SAXAGRES

Tornano ad accendersi i riflettori ANCHE sulla vertenza Saxa Gres di Roccasecca: nei giorni scorsi, i segretari generali di Femca Cisl, Uiltec Uil, e Ugl Chimici Valeriani, Caccianini e Colasanti, hanno incontrato i lavoratori della Saxagrestone di Roccasecca per informarli sull'attuale situazione della vertenza, che continua ad essere in una fase di stallo preoccupante alla luce dell'imminente scadenza degli ammortizzatori sociali.

All'assemblea ha presenziato, tra gli altri, il segretario generale Ugl Frosinone Enzo Valente, che al termine dell’incontro non ha nascosto le preoccupazioni: "Ho manifestato tutto il disappunto per l'evolversi della situazione - ha spiegato - pertanto auspichiamo che nei prossimi giorni si inizi a fare chiarezza, se così non fosse siamo pronti a scendere di nuovo in campo mobilitando lavoratori e territorio per la difesa di questo sito produttivo: non possiamo permetterci il fallimento del progetto".

I sindacati non sono intenzionati a mollare e intanto incassano il primo risultato positivo: è di martedì sera, infatti, la convocazione per lunedì 31 luglio ottenuta dagli assessorati al lavoro e attività industriali della Regione Lazio che incontreranno i sindacati per affrontare una questione emergenziale come quella denunciata qualche giorno fa.

“A tutt'oggi, infatti - lamentano i sindacati - non si hanno certezze sulla progettualità dell’azienda mentre la scadenza della cassa integrazione per i lavoratori dello stabilimento di Roccasecca si avvicina a grandi passi".





Articoli Correlati


cookie