Pontecorvo, differenziata: adesione massiccia dei cittadini. Ora contrasto alla inciviltà marginale

Pontecorvo, differenziata: adesione massiccia dei cittadini. Ora contrasto alla inciviltà marginale
di autore Redazione - Pubblicato: 15-02-2023 12:00 - Tempo di lettura 1 minuti

TERRITORIO - È quanto afferma il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo, a margine dell’ultima riunione con il presidente della municipalizzata Asm, Gino Trotto e con l’assessore comunale alla transizione ecologica, Katiuscia Mulattieri

“La raccolta differenziata dei rifiuti con le isole ecologiche funziona. Il dato è incontestabile, a dispetto dei residuali contestatori che, pregiudizialmente contrari all’amministrazione, tentano senza successo di diffondere altre verità. Funziona per i meriti evidenti del sistema stesso e per i meriti del senso civico della cittadinanza che ha aderito massicciamente alla nuova modalità, in tempi anche più brevi di quelli inizialmente previsti. Ancora poche settimane e finirà anche il deplorevole fenomeno delle immondizie abbandonate lungo i cigli stradali”.

È quanto afferma il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo, a margine dell’ultima riunione con il presidente della municipalizzata Asm, Gino Trotto e con l’assessore comunale alla transizione ecologica, Katiuscia Mulattieri dalla quale è emerso il drastico decremento dei casi di abbandono illegale e incontrollato di rifiuti nel centro urbano.

“Non solo le isole hanno contribuito a rendere più pulita e decorosa la città, ma l’hanno resa anche più equa, onorando così un nostro chiaro impegno assunto con i contribuenti che hanno sempre pagato il tributo. Grazie al sistema informatizzato abbiamo infatti iscritto a ruolo altri mille cittadini che finora, per ragioni diverse, non avevano mai pagato il servizio. Il peso del tributo, grazie al recupero di una così ampia fascia di evasione – spiega Mulattieri – potrà sensibilmente diminuire perché se tutti paghiamo, tutti paghiamo meno. Nelle ultime settimane abbiamo potenziato alcune postazioni, aggiungendo ulteriori cassonetti, raddoppiando la dotazione. Sono sempre meno le segnalazioni di secchi pieni e di cittadini impossibilitati a conferire i rifiuti”.

“Comune e Asm non abbassano la guardia. Noi continuiamo a raccogliere e valutare ciascuna delle segnalazioni che ci arrivano dai cittadini per poter migliorare sempre più la raccolta differenziata. Una cosa è certa. In altri comuni anche a noi vicini – aggiunge Gino Trotto, presidente della Asm – la transizione dalla vecchia alla nuova modalità di conferimento dei rifiuti ha richiesto tempi molto più lunghi, generando episodi di inciviltà ben più numerosi di quelli avuti qui. Peraltro ricordo ai cittadini che questo sistema ci è costato 700.000 euro meno della opzione del porta a porta e che negli anni a venire il suo costo, a carico dei contribuenti, potrà eventualmente diminuire, ma di certo non aumentare”.  





Articoli Correlati