Spazi esterni per bar e ristoranti, ma no ai tavolini sulle strisce blu: così Cassino si prepara a ripartire

Spazi esterni per bar e ristoranti, ma no ai tavolini sulle strisce blu: così Cassino si prepara a ripartire
di autore Redazione - Pubblicato: 23-04-2021 00:00

IL FATTO - L'assessore Volante: "Escludere dalla riapertura coloro che hanno solo posti al chiuso sarebbe sbagliato". Esercenti esentati dal pagamento della Tosap fino al 30 giugno: è possibile fare richiesta per i dehors. Alifuoco: "Le soluzioni per tutti coloro che non hanno spazi all’aperto, sono certa, le troveremo insieme"

Dall'ufficio stampa del Comune di Cassino, riceviamo e pubblichiamo

Andiamo verso la riapertura. Lunedì 26 aprile, con il passaggio del Lazio in zona gialla, entra in vigore il nuovo DPCM e anche Cassino si prepara alla ripartenza, sia culturale che commerciale.

Tuttavia per alcuni settori sarà ancora una riapertura parziale: bar e ristoranti, fino al primo giugno, potranno lavorare solo all’esterno.

Nei giorni scorsi ci sono stati vari incontri operativi tra il Sindaco, le assessore alle Attività Produttive, Arianna Volante, alla Polizia locale, Barbara Alifuoco, il Comandante Giuseppe Nunziata.

L’Amministrazione rinnova la propria vicinanza a tutti coloro che, a causa delle prolungate chiusure di questi mesi, patiscono un enorme disagio. 

In particolare, l’Amministrazione comunale in questo momento vuole rinnovare la propria vicinanza a tutti gli esercenti di bar e ristoranti che, non avendo il marciapiede prospicente il proprio esercizio, non potrebbero operare a causa di mancanza di spazi esterni. Ovunque sarà possibile, spazi saranno concessi per evitare di prolungare ancora di più inattività e sofferenza economica.

Giova ricordare che è sempre possibile fare richiesta per la costruzione di dehors (il regolamento è reperibile sul portale del Comune di Cassino).

La disponibilità per trovare soluzioni adeguate è massima, ma non dobbiamo dimenticare che è d’obbligo attenersi al rispetto delle norme relative alla viabilità e alla vivibilità della città.

Lo scopo è quello di far vivere la città all’aperto a tutti, in spazi pubblici allargati che favoriscano il distanziamento sociale e il rispetto delle norme nazionali.

Si sottolinea, infine, che gli spazi che potranno essere richiesti non possono riguardare le aree di parcheggio a pagamento (le “strisce blu”), in quanto queste non sono a disposizione dell’Amministrazione.

Si segnala, infine, che l’occupazione di suolo pubblico è gratuita fino al 30 giugno prossimo. Poi si vedrà come evolverà la situazione.

Per velocizzare le procedure, tutte le istanze di richiesta di occupazione dovranno essere caricate dagli esercenti su “Impresa in un giorno”, il portale online del SUAP, a maggior ragione in questo momento in cui gli uffici del settore commercio purtroppo sono chiusi a causa del Covid.

“Ciò che desideriamo – dice l’assessora Volante - è cercare in qualche modo di mettere tutti nelle stesse condizioni perché si possa ripartire insieme. Escludere dalla riapertura tante attività che non dispongono di spazi all’esterno sarebbe sbagliato. Dopo apposito confronto con gli Uffici, abbiamo deciso di permettere alle attività economiche di ampliare i propri spazi. Si tratta di una misura che come amministrazione abbiamo ritenuto doverosa, cercando di tendere una mano ai tanti lavoratori duramente colpiti dalle continue e prolungate chiusure” .

Così l’assessora Barbara Alifuoco: “Abbiamo pensato che per affrontare questo momento così difficile siano necessari atti concreti e questo lo è certamente: le soluzioni per tutti coloro che non hanno spazi all’aperto, sono certa, le troveremo insieme, nel rispetto delle norme sociali e giuridiche, che devono, comunque, restare il nostro faro.”

Il Sindaco, Enzo Salera, assicura che “l’amministrazione sta lavorando per andare incontro alle esigenze di tutti, sempre nel rispetto delle norme. Non vediamo l’ora di vedere la città tornare a vivere. Il nostro obiettivo è quello di rendere sempre più spazi fruibili a tutta la cittadinanza. Ripartiamo insieme, con rinnovato entusiasmo e con responsabilità, consapevoli che questo è solo un primo passo verso il ritorno alla normalità, che potrà avvenire solo se tutti continuiamo a rispettare le regole.”





Articoli Correlati


cookie