Scuola senza porte, studenti al freddo

Scuola senza porte, studenti al freddo

L'APPELLO - Manuela Di Ruscio di Fratelli d’Italia: "Su tale criticità nessuno batte un colpo. Chiedo al sindaco di Cassino di darci risposte e di adoperarsi al più presto per risolvere la situazione"

"Alla scuola Conte di Cassino alcune classi da mesi sono senza porta, pertanto le lezioni si svolgono al freddo e nel caos. I genitori sono in ansia e il Comune di Cassino fa finta di non vedere". La denuncia è di Manuela Di Ruscio di Fratelli d'Italia che chiama in causa il sindaco di Cassino Enzo Salera.

Spiega Di Ruscio: "Dall’inizio dell’anno scolastico la sezione 3ªD della scuola Conte è costretta a svolgere le lezioni senza porta, ciò vuol dire non solo che i ragazzi devono stare in classe per ore al freddo ma anche che vengono continuamente distratti dall’andirivieni dei corridoi.
Molte sono state le sollecitazioni al comune da parte della scuola e dei genitori degli alunni ma ad oggi non si hanno risposte".

Quindi Di Ruscio incalza: "La preoccupazione è tanta, soprattutto ora che andando incontro alla stagione invernale assisteremo ad un repentino abbassamento delle temperature e purtroppo anche se ci sono i riscaldamenti senza la chiusura di una porta la classe non risulterebbe riscaldata a sufficienza. Purtroppo sulla criticità della situazione nessuno batte un colpo e a pagarne le conseguenze sono i bambini, le maestre e i genitori che in questo periodo sono già abbastanza preoccupati per l’emergenza Covid. Da mamma, mi metto nei loro panni e chiedo al sindaco di darci risposte e di adoperarsi al più presto per risolvere la situazione".





Articoli Correlati


cookie