Unicas, gli studenti chiedono le registrazioni delle lezioni

Unicas, gli studenti chiedono le registrazioni delle lezioni
di autore Alberto Simone - Pubblicato: 14-11-2020 12:00

ATENEO - A farsi portavoce delle istanze degli universitari è l'associazione "Guardiani". Il rettore Betta: "Non possiamo obbligare i docenti". Intanto dalla Regione arriva un contributo di 500 euro per gli studenti meritevoli

università

"Vogliamo garantire una didattica disponibile in ogni momento, soprattutto oggi, nel pieno di una pandemia globale, in cui molti studenti riscontrano difficoltà nel seguire lezioni universitarie”. Questa è la proposta che giunge dall'associazione “Guardiani University” che ha inoltrato una proposta formale al Rettore e ai Direttori dei Dipartimenti, al fine di richiedere: la registrazione delle lezioni trasmesse su Google Meet da parte di tutti i professori dell'Ateneo e il caricamento delle registrazioni su Google Classroom”.

Ad oggi l’ateneo prevede di svolgere le lezioni in presenza, con prenotazioni, e contestualmente, la diretta streaming per seguire in remoto. Alcuni docenti già oggi registrano le lezioni e le mettono a disposizione, ma non tutti. “Noi non possiamo obbligarli”, spiega il rettore Giovanni Betta, che comunque precisa: “Abbiamo già adottato una delibera di Senato Accademico con la quale abbiamo chiesto ai docenti la massima disponibilità in tal senso, ne abbiamo discusso anche alla Crui ma non c’è una norma che impone al docente di dover registrare le lezioni. Certamente nel prossimo senato accademico rinnoverò l’invito a tutti i docenti ma voglio evidenziare che nel nostro ateneo già un’ampia fetta di docenti registra le lezioni e le mette a disposizione degli studenti”.

DALLA REGIONE

Intanto, sempre per quel che riguarda l'Università, dalla regione Lazio arriva un contributo fino a 500 euro per gli studenti meritevoli e con basso reddito che si iscrivono al primo anno di università. È questa l'opportunità offerta dal nuovo bando dell'assessorato al Lavoro, Scuola, Formazione e diritto allo studio universitario della Regione Lazio pubblicato oggi e le cui domande possono essere inviate on line a partire dal 23 novembre. L'avviso, con una dotazione economica di 1 milione e mezzo di euro, sostiene la formazione come investimento sul capitale umano valorizzandone tutte le ricadute sostanziali in termini di crescita personale e per la collettività.

I beneficiari sono gli studenti neodiplomati con votazione superiore a 91/100 che si sono iscritti o che intendono iscriversi al primo anno di università per l'anno accademico 2020-2021.
L’Avviso, che si colloca nell’ambito degli interventi messi in campo dalla Regione Lazio in continuità con le misure già realizzate per contrastare gli effetti della crisi sanitaria, incoraggia la permanenza nei sistemi di istruzione e formazione sostenendo chi proviene da famiglie a basso reddito e che non beneficiano già di altre agevolazioni legate al reddito.

Tutti i dettagli per la partecipazione al bando a questo link". Così in una nota l'assessorato al Lavoro, Scuola, Formazione e diritto allo studio universitario della Regione Lazio





Articoli Correlati