Strade al buio, Evangelista scrive al prefetto e picchia duro contro Salera e Venturi

CASSINO – Il consigliere della Lega è determinato e ora prova anche a far annullare il Consiglio comunale in programma venerdì. C’è un vizio di forma. Ecco quale

Franco Evangelista

Il consigliere comunale della Lega Franco Evangelista è un fiume in piena. E ora si va conquistando la leadership dell’opposizione. Nella giornata di ieri ha preso carta e penna e ha scritto al prefetto di Frosinone. Spiega nella missiva: “Gentile signor Prefetto, nella mia qualità di consigliere comunale della città di Cassino, nonché capogruppo in seno al consiglio comunale della Lega Salvini premier, mi vedo costretto a portare all’attenzione della signoria vostra una situazione incresciosa e pericolosa, che ormai si protrae da troppo tempo nella mia città, in particolare nella frazione di Sant’Angelo in Theodice”.

Prosegue Evangelista: “Ormai è più di un mese che le strade della popolosa frazione sono completamente al buio a causa della inerzia, spero solo consapevole ma non complice, dell’attuale amministrazione ed in particolare del sindaco Enzo Salera e dell’assessore alla manutenzione Emiliano Venturi”.

Evidenzia il consigliere: “Lo stato di grande disagio che provano i cittadini della popolosa frazione di Sant’Angelo, unito alla percezione che la sicurezza venga meno, soprattutto nelle ore notturne in tutte le strade che risultano completamente al buio, far sì che lo scrivente sia costretto a rivolgersi alla Signoria Vostra Illustrissima perché intervenga nei confronti del sindaco e dell’amministrazione di Cassino perché provvedano in tempi rapidi e certi alla risoluzione del problema Nella certezza di aver portato alla Sua attenzione un problema molto serio, e scusandomi ancora una volta per averla disturbata da impegni certamente più gravosi – conclude Evangelista le siano graditi i sensi della mia stima”.

IL CONSIGLIO? NON IN QUESTO MODO

Il consigliere comunale della Lega Franco Evangelista è ormai un fiume in piena. Nelle scorse ore ha chiesto anche di annullare il Consiglio comunale in programma per venerdì 27 novembre alle ore 16 in sala Restagno. Il motivo? Un vizio di forma nella convocazione. Spiega Evangelista: “Non è concepibile che riuniscono i capigruppo per fare la conferenza e decidere la data del Consiglio ma poi gli argomenti da discutere non sono ancora pronti. Quando si è svolta la conferenza dei capigruppo non si era infatti ancora riunita la commissione bilancio per i debiti fuori bilancio e quella dei lavori pubblici per la variazione al piano triennale. Questo modo di fare è intollerabile”.

Il consigliere ha dunque chiesto di annullare il Consiglio e convocare nuovamente i capigruppo dopo che tutte le commissioni si saranno riunite.