L'arresto di Messina Denaro e l'orgoglio del territorio per Angelosanto

L'arresto di Messina Denaro e l'orgoglio del territorio per Angelosanto
di autore Redazione - Pubblicato: 16-01-2023 12:00

CRONACA - I complimenti di Sara Battisti e Gianluca Quadrini: "Dopo anni di impegno, oggi, si è giunti ad un grande risultato per il nostro Paese. Il comandante del Ros che ha dato la notizia dell'arresto è originario di Sant'Elia, dove ci sono tanti suoi familiari e il fratello, Roberto, sindaco del paese. Il plauso di Salera e Rotondo

“Oggi è una giornata bellissima perché vincono lo Stato e la democrazia. Con l’arresto di Matteo Messina Denaro il primo pensiero va alle vittime, ai famigliari e a quanti hanno in questi anni sacrificato la vita per combattere la mafia. Una lotta che non termina con la cattura del boss, ma questo arresto ci spinge a fare ancora di più perché la mafia si può sconfiggere”.

Così in una nota Sara Battisti, presidente della commissione Legalità in Regione Lazio.

“Voglio rivolgere i miei ringraziamenti alla magistratura, alle forze dell’ordine e ai cittadini che hanno contribuito a raggiungere questo risultato. Sono molto felice che a dare questa importante notizia sia stato il comandante del Ros Angelosanto, originario di Sant’Elia Fiumerapido in Provincia di Frosinone. Un orgoglio - conclude- per il nostro territorio”.

I complimenti di Gianluca Quadrini al Generale Angelosanto per l’arresto di Matteo Messina Denaro.

Finisce la latitanza del boss della mafia Matteo Messina Denaro all’interno di una struttura sanitaria a Palermo. A compiere l’arresto i carabinieri del Ros coordinati e diretti dal generale Pasquale Angelosanto, nativo di Sant’Elia Fiumerapido. “Un grande orgoglio per tutta la nostra provincia” -  ha commentato Gianluca Quadrini, Presidente del Gruppo Provinciale di Forza Italia. “Dopo anni di impegno, oggi, si è giunti ad un grande risultato per il nostro Paese.  Grazie al prezioso lavoro delle nostre forze dell’ordine. Un grande plauso a coloro che ogni giorno rischiano e purtroppo sacrificano la propria vita per combattere  la criminalità. Ringrazio il Prefetto e il Questore di Frosinone per l’eccellente e costante lavoro che svolgono sul nostro territorio per garantire e tutelare la nostra sicurezza. ”

Arriva poi anche il commento del sindaco di Cassino, Enzo Salera: "Stamattina tutti i tg e i siti di informazione sono inondati da una bellissima notizia, la cattura del super boss mafioso Matteo Messina Denaro. Una notizia davvero storica, una notizia che scalda il cuore perché ci dimostra ancora una volta che lo Stato è forte e nonostante le tante avversità può vincere, anche nelle lotte più dure. Ma questa notizia assume ancora più valore per tutti noi perché a comunicare la notizia è stato il comandante dei carabinieri del Ros, Pasquale Angelosanto, nato a Sant'Elia Fiumerapido e da sempre legato al Cassinate ed al Lazio Meridionale.

Un orgoglio per tutti noi e immagino un grande orgoglio per il mio amico e sindaco di Sant'Elia Fiumerapido Roberto Angelosanto, che è fratello del Generale dei Carabinieri, il quale ha portato un risultato così importante nella lotta contro la mafia e la criminalità organizzata.

Lo Stato c'è. Lo Stato è forte perché guidato da persone di grande valore e di grandi valori".

Si aggiunge infine il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo, che sottolinea: "Oggi è un giorno importante per tutti. Con l’arresto del boss latitante Matteo Messina Denaro gioisce tutta l’Italia onesta, abituata a lavorare e vivere onestamente. Gioisce soprattutto la provincia di Frosinone perché il comandante del Ros, il generale Pasquale Angelosanto è figlio della nostra terra: è di Sant’Elia Fiumerapido, fratello del collega sindaco Roberto Angelosanto".





Articoli Correlati