Pista ciclabile per l'Unicas: ecco i fondi regionali. E intanto la corsia in centro diventa un caso anche a... Milano

Pista ciclabile per l'Unicas: ecco i fondi regionali. E intanto la corsia in centro diventa un caso anche a... Milano
di autore Alberto Simone - Pubblicato: 18-11-2020 12:00

LA NOVITÀ - La giunta Zingaretti stanzia 175.000 euro per la città martire. Il capoluogo lombardo realizza un percorso come quello di Cassino ma la Lega si batte per farlo cancellare: è poco sicuro e... inquina! Un cassinate prova a fare "resistenza"

La corsia ciclabile al centro di Milano

Assegnati al Comune di Cassino 175.000 euro per la realizzazione della pista ciclabile da piazza Garibaldi all’Università.  La determina regionale ha recepito la manifestazione d’interesse dell’Amministrazione Comunale a realizzare infrastrutture per il miglioramento della qualità dell’aria nella Regione Lazio. Si tratta di una pista ciclabile “in sede propria”, vale a dire che, a differenza della “corsia ciclabile”, tale struttura è riservata esclusivamente al transito delle bici. Una volta realizzata, essa sarà una importante via di collegamento dalla stazione ferroviaria all’ateneo ad uso prevalentemente degli studenti.

Una particolare soddisfazione per l’assegnazione del finanziamento è stata espressa dai consiglieri Riccardo Consales, Alessandra Umbaldo e Fabio Vizzacchero, componenti del gruppo di lavoro per le piste ciclabili, impegnati in prima persona nella redazione del piano della mobilità ciclabile approvato con specifica delibera di giunta nell’agosto scorso.

LA CORSIA IN CENTRO

Intanto per quanto riguarda la corsia in centro, le polemiche non si placano. Dopo aver messo in risalto il fattore insicurezza, adesso i detrattori fanno notare che le strisce che delimitano la ciclabile si stanno cancellando (succede un po' a tutte le strisce, anche quelle pedonali dinanzi le scuole, aggiungiamo noi per dovere di cronaca). Ma intanto questa tipologia di corsia ciclabile viene sperimentata anche in altre grandi e importanti città come ad esempio Milano. E la Lega, un po' come l'opposizione di Cassino, si sta battendo per farla eliminare arrivando a sostenere, addirittura, che la ciclabile inquina.

Un consigliere comunale del settimo municipio milanese evidenzia: "Questa sera, in Municipio 7, abbiamo approvato la mia mozione per cancellare la folle corsia ciclabile realizzata dal Comune di Milano in via Sardegna. Ora andremo avanti e porteremo la proposta al Consiglio comunale. Siamo favorevoli a nuovi percorsi ciclabili in città, ma realizzati in sicurezza e non in vie ad alto scorrimento, dove l’unico risultato è aumentare traffico e smog! #Lega#Milano"

Marco Fardelli, originario di Cassino e che oggi vive a Busto Arsizio si sta battendo a favore delle corsie ciclabili dice: "L'importante secondo i leghisti, è che le piste ciclabili, che per intenderci fra persone dotate di normale discernimento, servono organicamente al sistema degli spostamenti in città, siano fatte altrove, magari in campagna per non disturbare chi da decenni occupa, oserei dire con "arroganza", qualsiasi spazio disponibile (strade, passi carrai, marciapiedi, strisce pedonali, posti per disabili) con automobili in movimento ed automobili parcheggiate. Abbiamo tutti bisogno della redistribuzione degli spazi comuni. Spazi comuni, cioè di tutti. E non solo di chi si muove ostinatamente ed inappropiatamente su oggetti inutilmente grandi, pesanti ed intrinsecamente pericolosi (specie se sono in mano agli imbecilli). L'auto privata per muoversi in città ha dimostrato la sua inefficienza in tutti i modo possibili".

Quando si dice "tutto il mondo è paese!"





Articoli Correlati