Vigili, fissata la data del concorso. Entro dicembre la graduatoria

Vigili, fissata la data del concorso. Entro dicembre la graduatoria
di autore Redazione - Pubblicato: 26-09-2020 12:00

CASSINO - Il 22 ottobre al Palazzetto dello Sport di Frosinone la prova preselettiva per i 684 aspiranti. Si potranno assumere 6 agenti, ma in attesa della sentenza del Consiglio di Stato a febbraio per quel che riguarda gli agenti precari si procede a step. Fontana al vetriolo: «Tutto questo per uno sfizio personale»

L'intervento di Salvatore Fontana in Consiglio comunale

Dopo che i legali degli ex agenti precari hanno ritirato il ricorso al Tar, l'amministrazione comunale procede spedita con il bando di concorso per le assunzioni. Nella giornata di ieri è stata dunque fissata per giovedì 22 ottobre la prova preselettiva che si terrà come sempre al Palazzetto dello Sport di Frosinone. A novembre si terranno poi a Cassino le prove scritte e orali, dopodichè verrà stilata la graduatoria con tutti gli idonei. Dovrebbero essere sei i vigili da assumere subito, alcuni categoria D, altri categoria C. Il condizionale però è d'obbligo. Sul concorso continua difatti a pendere la spada di Damocle del ricorso degli ex agenti precari.

Ricapitoliamo: a inizio agosto il Tar non eveva accolto l'istanza cautelare che era stata richiesta dai legali degli ex agenti per bloccare l'iter concorsuale. I giudici si sarebbero espressi nel merito il 23 settembre. Ma quella sentenza non è mai arrivata perchè il ricorso è stato ritirato. E per quale motivo è stato ritirato? Perchè nel frattempo il Consiglio di Stato ha invece ritenuto fondate alcune delle tesi esposte dai legali degli ex agenti ed hanno chiesto al Comune di Cassino di specificare per quale motivo si è inteso proseguire con i concorsi senza fare la stabilizzazione. E nel merito i giudici si esprimeranno il prossimo 24 febbraio.

Per questo motivo una volta stilata la graduatoria l'amministrazione intenderebbe procedere a step: ovvero assumendo solo 4 unità. Una scelta che l'opposizione consiliare ha fortemente contestato con il consigliere Salvatore Fontana che prima ha annunciato che i legali hanno chiesto l'istituzione di un commissario ad acta, poi ha rimproverato il sindaco di non aver voluto procedere con la stabilizzazione per «uno sfizio personale, tant'è che non avete motivato tecnicamente la vostra scelta e il Consiglio di Stato lo ha evidenziato». Nel Consiglio comunale di ieri lo scontro è stato durissimo. Il consigliere di opposizione ha elencato fatti e circostanze in difesa degli agenti. Salera non è intervenuto, ha risposto l'assessore alla polizia locale Barbara Alifuico. Al termine dell'assise incalzato dai cronisti il sindaco ha però fatto sapere che non si tratta assolutamente di uno sfizio e che non c'è alcun rischio per l'Ente come dichiarato in Consiglio dall'opposizione, perchè tutto l'iter che si sta seguendo rispetta ciò che è scritto nel bando.

Certamente sarebbe stato più facile senza il ricorso: ma per chiudere definitivamente la battaglia legale con gli ex vigili bisognerà attendere il 24 febbraio: quel giorno si esprimerà il Consiglio di Stato. Ma giò dal 31 dicembre la città dovrebbe avere i primi nuovi vigili.





Articoli Correlati