“Reddito di fragilità”, l’impegno di Moira Rotondo

IL FATTO – La candidata di Forza Italia ha incontrato il dott. Pontone Gravaldi della Federazione Italiana Medici Pediatri di Frosinone: “Troppe volte noi più fortunati ci dimentichiamo di quante famiglie vivano in condizioni di disagio permanente”

Il tema della disabilità negli ultimi anni ha rischiato di divenire marginale all’interno del dibattito politico, monopolizzato dal covid prima, dal caro bollette e carburanti poi. Ma Forza Italia fin dall’avvio di questa campagna elettorale si è sempre detta favorevole all’aumento degli assegni medi di disabilità fermi a 287 euro circa. Il partito del Cavaliere intende recepire la proposta presentata dalla FIMP sul tema delle disabilità gravi discusso alla Camera dei Deputati in data 06.09.2022.

La Fimp si è fatta promotrice di una proposta di legge per l’introduzione del cosiddetto reddito di fragilità per quelle oltre 200.000 famiglie italiane con figli affetti da disabilità grave e che necessitano di assistenza costante e ininterrotta.
Ne hanno discusso ieri sera a Sora il responsabile provinciale della Fimp, il dott. Pontone Gravaldi e la candidata alla Camera di Forza Italia nel collegio Frosinone/Latina Moira Rotondo.
“Noi medici pediatri di famiglia conosciamo la disperazione e le difficoltà che le famiglie colpite da casi di grave disabilità debbono affrontare.

Ha dichiarato il dott. Pontone “Un figlio attaccato ad esempio ad un respiratore rappresenta per un genitore, in particolare per le madri, un impegno ininterrotto, anche per 20 o 30 anni consecutivi. Ne deriva l’impossibilità per queste donne di poter svolgere una qualsiasi attività lavorativa che garantisca loro non solo uno stipendio ma anche una pensione. Si tratta di famiglie che da sempre, anche prima della crisi energetica, debbono far fronte a difficoltà economiche di ogni genere e che mensilmente rischiano il default. Noi medici siamo  con loro in questa quotidiana lotta per la sopravvivenza e abbiamo voluto interessare la politica di questo nostro progetto di legge.”


Ringrazio il dott. Pontone Gravaldi e la Fimp di Frosinone per avermi illustrato questo progetto di altissimo valore sociale. Troppe volte noi più fortunati ci dimentichiamo di quante famiglie vivano in condizioni di disagio permanente. Ed il disagio economico determinato dell’impossibilità di poter svolgere una qualsiasi attività lavorativa va affrontato e risolto a livello centrale con l’introduzione di misure mirate di sostegno al reddito. Il tema dell’assistenza alle famiglie con disabilità non è nuovo nel dibattito politico ma in questo caso vogliamo andare ancora più in profondità, grazie ai medici pediatri di famiglia, affrontando il caso delle disabilità gravi e gravissime per dare a queste famiglie un aiuto concreto. Subito dopo le elezioni ci rivedremo a Roma con gli eletti del territorio per passare dalle parole ai fatti”.