San Giorgio, le incompiute e quel silenzio istituzionale che indispettisce

TERRITORIO – I consiglieri comunali di San Giorgio a Liri D’Abrosca, Di Cicco e Lucciola accendono i riflettori sulle criticità del ponte in via Petrose. Il consigliere regionale della Lega Ciacciarelli: “Farò un accesso agli  atti per capire il motivo per cui ancora non iniziano i lavori”

“Due anni di assoluto silenzio da parte delle Istituzioni Provinciali, tanti sono quelli trascorsi da quel drammatico 8 Giugno del 2020 quando una tremenda alluvione a San Giorgio a Liri ha distrutto il ponte in Via Petrose che attraversa il Rio Ceraso lasciando i residenti del posto isolati dal resto del paese. Raccogliendo le varie istanze degli stessi, in più di qualche occasione in passato abbiamo personalmente contattato i vertici Provinciali informandoli dell’incresciosa situazione ed esortandoli a predisporre quanto prima l’inizio dei lavori di ricostruzione del ponte, ma ad oggi non abbiamo avuto nessun riscontro, soltanto silenzio istituzionale”.

A parlare sono i consiglieri comunali di San Giorgio a Liri D’Abrosca, Di Cicco e Lucciola: “Per questo – dicono – abbiamo chiesto aiuto al Consigliere Regionale della Lega Pasquale Ciacciarelli che si è subito attivato recandosi personalmente sul posto per verificare la situazione e garantendoci che avrebbe immediatamente contattato i vertici provinciali monitorando personalmente la situazione affinché possano finalmente iniziare i lavori di ripristino del ponte restituendo ai residenti del posto il servizio di accesso al resto del paese. Francamente – concludono – due anni di silenzio istituzionale ci sembrano abbastanza, i cittadini meritano delle risposte e le Istituzioni sono tenute a darle”.

L’INTERVENTO DI CIACCIARELLI

Il consigliere regionale della Lega gli fa eco, e spiega: “Zona industriale di San Giorgio a Liri: un’ altra opera incompiuta della Regione Lazio. Qualche mese fa sono stati fatti annunci di investimenti da parte della Regione Lazio, del Consorzio Unico Industriale, ma nulla è stato fatto. Il tratto di strada che collega San Giorgio con il comune di Esperia è interrotto a causa del maltempo, e della caduta di un ponte che non è stato più ricostruito. Dall’8 giugno 2020 la situazione è così! Sono oltre 2 anni.

Farò un accesso agli  atti per capire il motivo per cui ancora non iniziano i lavori; una lettera anche al presidente dell’Astral che sicuramente non è a conoscenza di questa situazione incresciosa. Il tempo per Zingaretti ed il PD provinciale  è scaduto! Non  mollerò fino a quando i lavori non inizieranno ed il ponte non sarà ripristinato. I cittadini hanno bisogno di risposte concrete!”.