Ausonia, ecco il restauro del Santuario della Madonna del Piano

TERRITORIO – Sabato 23 aprile l’inaugurazione. Il sindaco Benedetto Cardillo: “Si tratta di un patrimonio artistico di immenso valore che i nostri avi hanno saputo conservare e valorizzare e che noi vogliamo preservare”

di Francesca Messina

Sabato 23 aprile sarà inaugurato nel Comune di Ausonia il restauro del Santuario della Madonna del Piano. Alle ore 19 verrà aperto il Santuario e sarà celebrata una santa messa presieduta da S.E. Monsignor Luigi Vari Arcivescovo di Gaeta. Alle ore 20 saranno presentati i lavori di restauro. Alle ore 21 il concerto dei Décolleté.


“Sono contentissimo di questo risultato, forse l’opera realizzata a cui sono più affezionato in questi 8 anni da Sindaco.  Un intervento fortemente voluto da tutta la mia squadra di governo – ha sottolineato il sindaco Benedetto Cardillo – a cui va il mio ringraziamento per non aver esitato un secondo a destinare due anni di contributi ministeriali alla messa in sicurezza del Santuario.
Dopo sette mesi di lavori di restauro, il nostro Santuario della Madonna del Piano riapre al culto e si mostra, dopo il recupero di alcuni affreschi, ancora più denso di fascino. Si tratta di un patrimonio artistico di immenso valore che i nostri avi hanno saputo conservare e valorizzare e che noi vogliamo preservare.
Il Santuario della Madonna del Piano, oltre alla sua importanza storica e al significato che ha per la comunità religiosa ausoniese, rappresenta un punto d’incontro tra le diverse generazioni. Un luogo di contaminazione per i giovani vogliosi di riscoprire la propria identità.
La storia del Santuario si identifica con quella di Ausonia. Nei momenti di gioia e di sofferenza, gli Ausoniesi si sono sempre ritrovati intorno alla Madonna del Piano.


Questo era un momento atteso dall’intera comunità e dagli amministratori comunali – ha affermato il sindaco Cardillo – che insieme a me, convintamente, hanno deciso di destinare al recupero e al consolidamento del Santuario, due anni di contributi ministeriali. Questi importanti lavori sono stati possibili grazie anche all’azione sinergica sviluppata con il nostro parroco, don Antonio Guglietta.
Sento, a nome di tutta la comunità, di ringraziare la Soprintendenza ai Beni Culturali, l’architetto Paolo Pietro Ascani che ha redatto il progetto, la restauratrice dottoressa Federica Valente, che ha diretto i lavori e l’impresa Zovini.
Il Santuario viene riaperto al culto il 23 aprile che coincide con la ricorrenza della data dell’apparizione della Madonna alla pastorella Remingarda. Un giorno di festa per i cittadini di Ausonia e di Castro ma anche per tutti quelli che da tutto il mondo arrivano nel nostro territorio per visitare questo monumento religioso di rara bellezza”.