“Salera la smetta di mistificare la realtà e venga in Aula”

POLITICA – Il consigliere di opposizione Benedetto Leone a testa bassa contro il sindaco di Cassino: “L’assise straordinaria? Non è una concessione, è un nostro diritto”

“Ho letto finalmente qualche dichiarazione del Sindaco in merito ai fatti riguardanti le firme false e voto di scambio, che vede coinvolti il suo Partito, la lista Pd della sua maggioranza e un suo Consigliere Comunale, ma come al solito Salera cerca di sminuire e far passare sugli organi di stampa una concessione qualcosa che invece è un diritto dei Consiglieri Comunali e un dovere per un Sindaco relazionare alla Città su fatti e accadimenti che, in questo caso, riguardano il rispetto delle regole e la credibilità della nostra Democrazia”.

A parlare è il consigliere comunale di opposizione Benedetto Leone, che argomenta: “Secondo l’articolo 25 del Regolamento del Consiglio Comunale, il Presidente è tenuto a riunire il Consiglio Comunale in un termine non superiore a 20 giorni, quando lo richieda almeno un quinto dei consiglieri”.

Argomenta Leone: “Capisco che Salera è in difficoltà, ma con noi non attacca il suo gioco di stravolgere i fatti, mistificare la realtà e interpretarla a suo piacimento. In questi giorni ha solo perso tempo, addirittura ha comunicato alla stampa che la proposta di Consiglio Comunale di 5 Consiglieri di opposizione doveva avere il via libera della riunione della sua maggioranza, forse Salera ha scambiato la nostra Democrazia per una Repubblica delle Banane. Cose mai sentite e viste. Il Consiglio Comunale non è casa sua e non può calpestare le regole della democrazia”.

Quindi, il consigliere conclude: “Ora non perda altro tempo, non speri che questi fatti cadano nel dimenticatoio, aspettiamo la convocazione della riunione dei Capigruppo e poi venga in Consiglio Comunale a cercare di dare un quadro più chiaro e credibile dei fatti in oggetto”