San Giorgio, documenti contabili non ancora approvati: scatta la diffida del Prefetto

TERRITORIO – Portelli scrive al sindaco Lavalle: “E’ incredibile che l’amministrazione comunale non abbia ancora provveduto”. L’ultimatum è fissato al 31 agosto, pena lo scioglimento immediato del Consiglio e il ritorno alle urne. L’opposizione: “Gestione vergognosa”

Il termine ultimo è fissato al 31 agosto, pena lo scioglimento immediato del Consiglio comunale. Il prefetto di Frosinone Ignazio Portelli alla vigilia di Ferragosto ha inviato una missiva al sindaco di San Giorgio a Liri, Francesco Lavalle, e ha evidenziato: “E’ incredibile che questa amministrazione non abbia ancora provveduto ad approvare i documenti contabili dell’esercizio finanziario 2021.

LEGGI IL TESTO INTEGRALE:

Immediato scatta il monito da parte dei consiglieri comunali di San Giorgio a Liri Antonello D’Abrosca, Luigi Di Cicco e Fabio Lucciola che in una nota congiunta evidenziano: “E stata inviata da parte del Prefetto di Frosinone una diffida relativa ad adempimenti contabili da padre dell’ Amministrazione del Comune di San Giorgio a Liri in quanto, nonostante siano scaduti i termini per approvare un importantissimo Documento Contabile del Comune ad oggi non è ancora stata discussa in seno al Consiglio Comunale un’eventuale approvazione dello stesso.

Siamo assolutamente indignati dal comportamento del Sindaco e della sua scellerata maggioranza che hanno messo in ridicolo agli occhi del Prefetto di Frosinone l’intera Amministrazione Comunale ed il paese che la stessa rappresenta, costringendo lo stesso Prefetto ad inviare una durissima diffida al Sindaco affinché adempia quanto prima ai doveri contabili del Comune di San Giorgio a Liri.

Antonello D’Abrosca, Luigi Di Cicco e Fabio Lucciola San Giorgio a Liri