“Per noi parlano i numeri: siamo una scuola di alta formazione”

SCUOLA – Parla il dirigente del “Majorana” di Cassino Pasquale Merino: “Quest’anno ben 11 prime. Le aziende ci chiedono questi ragazzi che oltre ad essere preparati, hanno anche svolto un’ottima alternativa scuola lavoro”. E intanto all’Itis partono i lavori per i nuovi campi, grazie ad un finanziamento ministeriale

Prende sempre più forma, con il nuovo “look” degli spazi esterni, l’idea lanciata e sostenuta dal dirigente scolastico prof. Pasquale Merino al momento del suo insediamento. All’Itis “Majorana” di Cassino sono iniziati i lavori di recupero e ristrutturazione dei campi di calcetto e pallavolo. I lavori saranno completati entro i primi giorni del mese di settembre quando, come previsto, ripartiranno i moduli del Pon “Apprendimento e Socialità” con tornei di calcetto, pallavolo e pallacanestro che vedranno la partecipazione di numerosi studenti per gran parte della giornata.

Con i fondi delle legge 440/92 l’Itis Majorana – spiega con orgoglio il dirigente scolastico, Pasquale Merino – ha ottenuto un finanziamento di 34.000 per ristrutturare uno spazio all’aperto di socialità: il campo di pallavolo e calcetto. Se le risorse finanziarie dell’edilizia scolastica venissero date direttamente alle scuole, e non passassero attraverso filtri, avremmo scuole belle ed accoglienti. Abbiamo fatto una procedura aperta, nonostante potevamo procedere all’affidamento diretto, e l’appalto se lo è aggiudicato la ditta Sama Impianti srl, di Aversa. È un’azienda che lavora con lo stadio di Napoli, Milano, realizza piste di atletica , campi sportivi: i lavori termineranno entro i primi di settembre e così daremo seguito ai moduli del Pon socialità con tornei di pallavolo, calcetto basket etc. Questo è un altro tassello del campus Majorana”.

Poi il preside argomenta: “Adesso chiediamo alla Provincia di Frosinone di sistemare i campi del playground di basket del triennio visto che il manto in gomma si è alzato e necessita di una ristrutturazione. La nostra scuola, come riferito dalla Provincia, in termini di estensione , superficie, strutture e aggiungo di alunni, è la prima in provincia di Frosinone .

Poi, venendo all’offerta formativa, il dirigente spiega: “Abbiamo realizzato 4 terze perché i ragazzi , meccanici e meccatronici, che escono dall’Itis Cassino , non hanno bisogno di frequentare l’ITS, atteso che appena si diplomano vengono assunti a tempo indeterminato. Le aziende ci chiedono questi ragazzi che oltre ad essere preparati, hanno anche svolto un’ottima alternativa scuola lavoro. I nostri meccanici meccatronici, appena diplomati, hanno titoli ed esperienze di alto spessore. Sanno progettare, usare i software cad cam, possiedono patentino della robotica, hanno esperienza in azienda. Quindi perdere altri due anni frequentando un ITS non ha alcun senso, soprattutto in questo periodo in cui le aziende cercano competenze e conoscenze che , ripeto, una buona scuola superiore può dare come l’Itis Majorana concede. A noi parlano i numeri. Ben 11 prime. Significa – conclude con orgoglio Merino – che sul territorio siamo una scuola di alta formazione”.

Intanto all’Itis proseguono anche le attività del modulo “Escursioni tra natura e cultura alla scoperta del nostro territorio”. Il 2 settembre escursione e attività alla “Rocca Janula”: gli studenti si immergeranno nella vita sociale e militare svolta all’interno della fortificazione in età medievale dove parteciperanno ad una masterclass di “Tiro con l’arco” e di “Scherma rievocativa” per concludere la giornata con una interessante introduzione alla ”Araldica Medievale”.
Un istituto, il “Majorana” che appare dunque sempre pronto a rispondere alle crescenti richieste del territorio come dimostrano i numeri degli iscritti e soprattutto quello dei neodiplomati immediatamente assorbiti dal mondo del lavoro.