“Ora la villa comunale sembra Wembley Stadium!”

CASSINO – L’orgoglio del consigliere Rosario Iemma dopo gli interventi svolti all’interno del polmone verde della città. Prosegue anche la manutenzione per la sistemazione dei marciapiedi grazie ai percettori del reddito di cittadinanza

La villa comunale è stata messa a lucido come non si vedeva da tempo e fa mostra di sé in tutta la sua bellezza. “Uno spettacolo! Sembra Wembley Stadium!”, l’entusiastica esclamazione del consigliere Rosario Iemma. Il delegato alla manutenzione ha seguito in prima persona il radicale intervento del taglio dell’erba e della ripulitura dalla abbondante vegetazione delle parti percorse dalla limpida acqua sorgiva.

Ci sono voluti tre giorni, a due operai del Comune e a cinque percettori del reddito di cittadinanza (utilizzati a turno), per fare il lavoro a regola d’arte, senza trascurare i particolari. Più di tante parole, sono le foto a “parlare”.

A loro il plauso del sindaco, Enzo Salera, e sicuramente quello dei tanti che possono godere di un bene comune qual è la nostra villa che tanti ci invidiano. L’amministrazione comunale per il periodo estivo ha deciso di tenerla sempre aperta, fidando nel senso civico della stragrande maggioranza dei concittadini che sentono la villa e la vivono come cosa propria, da rispettare e salvaguardare nell’interesse di ciascuno.

MANUTENZIONE DEI MARCIAPIEDI

Riguardo i marciapiedi, questa mattina operai del Comune e due percettori del reddito di cittadinanza, completato viale Dante, hanno proseguito in piazza XV Febbraio nella sistemazione delle betonelle dei marciapiedi deformati dalle radici degli alberi, così come previsto dal piano che ci si è dati.

A scanso di qualche equivoco nel quale purtroppo è incorso qualcuno manifestando rimostranze polemiche nei confronti del responsabile del servizio, l’Amministrazione precisa che si sta procedendo negli interventi in maniera razionale, così come programmato, seguendo un ordine, senza alcuna visione clientelare tendente a privilegiare Tizio o Caio.

Altro intervento, in questo caso di massiccia decespugliazione, è stato avviato stamani nell’ambito del progetto con Autostrade dietro alla casa circondariale San Domenico, dove – come l’ha definita l’assessore Barbara Alifuoco, “si è formata una giungla”.