Immigrazione e innovazione, l’Itis “Majorana” all’avanguardia

SCUOLA – Nei giorni scorsi alcuni studenti hanno dibattuto il tema dell’accoglienza dialogando con Dullal Ghosh, un migrante giunto in Italia sette anni fa dal Bangladesh a 19 anni. Questa mattina il dirigente Merino presenta “Historical memory app” alla presenza di molte istituzioni della città di Cassino

Il tema è molto dibattuto, talvolta divisivo. Ma poche volte approfondito. Soprattutto da parte dei più giovani. Per questo – anche per questo – l’Itis “Majorana” di Cassino su proposta dell’insegnante di Lettere, prof.ssa  Rita Matera, ha voluto aderire al progetto “Confini” organizzato dalla cooperativa sociale Sophia. Un progetto volto ad approfondire il tema dell’immigrazione. Guidati dalla tutor gli studenti  hanno letto la storia di Dullal Ghosh, un migrante giunto in Italia  7 anni fa dal Bangladesh a soli 19 anni.

Il giovane non conosceva la lingua italiana e portava con sé solo un biglietto con un indirizzo. La sua storia è raccontata   in un libro dal titolo “Là non morirai di fame”, le parole  con cui il  padre di Dullal congedò il figlio al momento del suo imbarco per l’Italia. Concluse le attività laboratoriali, gli studenti hanno avuto l’occasione di dialogare  con Dullal Ghosh; un incontro forte, coinvolgente, a tratti commovente. 

I ragazzi  hanno  conosciuto e scoperto  un uomo con una   profonda dignità che, con il suo  racconto, ha catturato la loro attenzione emozionandoli. Tante le domande poste all’ospite e molte le  informazioni ricevute sulle tradizioni e la cultura del suo popolo. “Durante gli incontri – dice Federica, una delle studentesse che ha preso parte al progetto – abbiamo potuto analizzare una tematica complessa di cui molto si sente parlare. Anche noi, come tanti, avevamo pregiudizi e credevamo che l’Italia avesse solo da perderci, invece con grande sorpresa abbiamo scoperto che non è così” affermano Valeria e Mattia.

Abbiamo compreso  che migrano  per ragioni di natura economica, per studio, per disastri ambientali, per motivi politici,  per guerre e persecuzioni ha continuato Andrea. Dagli approfondimento degli studenti è emerso che nel mondo ci sono circa 280 milioni di migranti regolari; quelli irregolari sono circa 35 milioni. La maggior parte proviene dall’Asia. In Europa la tappa più ambita è la Germania mentre l’Italia occupa l’undicesimo posto.

Intanto questa mattina, sempre all’Itis, si terrà la presentazione di una app per andare alla scoperta di Cassino. Il progetto, denominato “Historical memory app” vedrà la presenza sarà illustrato alla presenza del sindaco Salera, dell’abate Ogliari, dell’assessore alla Cultura Danilo Grossi, del vice presidente della provincia Luigi Vacana e del consigliere regionale Mauro Buschini.