Tavares in visita a Cassino. La Fim-Cisl chiede altri modelli premium

ECONOMIA – Questa mattina la visita nello stabilimento Alfa Romeo dell’amministratore delegato di Stellantis. Parla il segretario nazionale della Fim-Cisl Fernando Uliano

“La visita di oggi di Tavares al plant di Cassino, ci carica di speranza che il futuro piano industriale di Stellantis porterà sicuramente ulteriori investimenti per rafforzare la produzione premium del gruppo. Cassino è uno stabilimento di eccellenza, che ha ricevuto forti investimenti da parte di Fca. L’investimento per Giulia e Stelvio ha superato il miliardo e mezzo di euro e nel 2021 partirà anche la produzione del nuovo suv Maserati Grecale, anche in versione anche elettrica”.


A parlare è il segretario nazionale della Fim-Cisl Fernando Uliano a margine della visita di Carlos Tavares nello stabilimento Alfa Romeo. L’Ad di Stellantis ha terminato la sua visita da poco. Uliano spiega: “Oggi lo stabilimento di Cassino viaggia a una capacità produttiva tra il 15-20%, c’è un forte uso degli ammortizzatori sociali. La produzione è in calo dal 2017 e gli occupati sono scesi di circa 900 dipendenti attestandosi a 3.433 autovetture. È indispensabile nel futuro piano industriale prevedere altri modelli premium che, affiancandosi alle due Alfa Romeo e alla Maserati Grecale, siano in grado di sfruttare tutta la capacità e la potenzialità produttiva dello stabilimento ciociaro che al suo interno ha notevoli capacità professionali tra i lavoratori.

La Fim Cisl è pronta ad affrontare le sfide e i cambiamenti necessari per mettere in sicurezza stabilimenti e produzioni, dando nuove opportunità di sviluppo e occupazione ai territori del nostro Paese”.