Scuola, il 7 gennaio si rientra regolarmente. Le ore saranno di 45 minuti

LAZIO – Oggi la riunione in Regione tra l’assessore Di Berardino, le organizzazioni sindacali e l’associazione nazionale presidi. Ecco cosa è emerso

“Nella riunione che si è tenuta oggi, convocata unitamente all’ufficio scolastico regionale e a cui hanno partecipato tutte le organizzazioni sindacali del comparto scuola e confederali e l’associazione nazionale presidi, si è concordato di modificare alcuni aspetti legati alla ripresa delle attività in linea con le competenze del tavolo. Il risultato del confronto è stato positivo anche per senso di responsabilità delle organizzazioni sindacali”.

A parlare è Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio, che in una nota stampa rende noto: “Fatte salve valutazioni diverse che il Governo possa prendere o diverse valutazioni che possono emergere a seguito della curva dei contagi, in vista della riapertura delle scuole superiori il 7 gennaio, e recependo alcune specifiche richieste, si è deciso di ridurre l’orario delle lezioni da 60 a 45/50 minuti, soprattutto per gli istituti tecnici e professionali.

Dopo un passaggio con le Prefetture, si sta lavorando per invertire la percentuale di ingresso a scuola modificando lo scaglione del 40% con quello del 60%. Parallelamente continueremo il lavoro nelle diverse realtà territoriali e in raccordo con le Prefetture – che ringraziamo del loro impegno – per definire il piano tempi orari delle città.

Come stiamo facendo da mesi, come assessorato alla Scuola -conclude Di Berardino – continueremo a portare avanti tali tavoli confrontandoci e coinvolgendo tutte le parti, sempre nell’obiettivo ultimo di assicurare agli studenti, personale scolastico e famiglie il diritto alla salute e alla scuola”.

TRASPORTI: PARLA ALESSANDRI

Per quel che invece concerne i trasporti, si rende noto che “la regione si dota di un nuovo piano della mobilità e della logistica, costruito sulla base delle esigenze dei territori e ascoltando i cittadini. Un documento partecipato che segna lo sviluppo dei prossimi anni. Il piano avrà un impatto significativo sulla rete delle principali infrastrutture del Lazio con un netto miglioramento della viabilità e della sicurezza per i mezzi di trasporto  e della qualità della vita delle persone”.

“Il Piano dei Trasporti adottato  in Giunta – dichiara Mauro Alessandri, Assessore ai Lavori Pubblici e Difesa del Territorio, Mobilità della Regione Lazio – ha l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei cittadini del Lazio. Attraverso la realizzazione di un sistema di mobilità più efficiente e sostenibile vogliamo ridurre i tempi di spostamento, gli incidenti stradali, l’inquinamento; favorire la coesione territoriale e lo sviluppo economico, avvicinando il Lazio all’Italia e al mondo tramite i corridoi europei della mobilità. Strade, ferrovie, porti e aeroporti, piste ciclabili, trasporto pubblico locale, ma anche innovazione tecnologica e nuove forme di mobilità sostenibile: tutti temi sviluppati nel Piano”,