Covid, oltre 1.500 casi nel Lazio. D’Amato al Governo: “Ora basta indugi”

LAZIO – Il bollettino odierno. Aumentano anche i decessi

Alessio D’Amato

Si è appena conclusa alla presenza dell’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato l’odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere, Policlinici universitari e l’ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

“Oggi su quasi 16 mila tamponi nel Lazio (+201) si registrano 1.597 casi positivi (+377), 57 i decessi (+17) e record dei guariti che sono +4.177. aumentano i casi e le terapie intensive, calano i ricoveri. Roma città sale sopra i 700 casi (767). Il dato odierno – dice l’assessore regionale alla Sanità – supera di 109 casi il dato del giovedì della scorsa settimana. Un segnale negativo che potrebbe indicare una inversione di tendenza che dobbiamo evitare. Ora – conclude D’Amato spronando il Governo – servono senza indugi misure nazionali”.

Nelle province si registrano 455 casi e sono tredici i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 172 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi di 71, 82, 86 e 92 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 157 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano tre decessi di 74, 87 e 100 anni con patologie.