La retromarcia del Covid: oggi solo a Cassino i positivi sono ancora in doppia cifra

IL BOLLETTINO – Meno di 100 casi in tutta la Ciociaria, quasi 300 i guariti. Due morti: uno è di San Giorgio a Liri. Tutti i numeri. Ospedale “Santa Scolastica”, Ciacciarelli va all’attacco sulla carenza degli infermieri

Scendono a 84 i nuovi casi di positività al Covid in provincia di Frosinone. Tutti i comuni della Ciociaria registrano meno di 10 casi, ad eccezione di Cassino che, con 16 positivi, è l’unico in doppia cifra. Ma, anche nella città martire, oggi è record di negativizzati: in tutta la provincia si registrano 267 guariti. Due i morti. In riferimento ai decessi la Asl comunica che si tratta di un uomo di 91 anni residente a San Giorgio a Liri e una donna di 92 anni residente a Fontana Liri.

Intanto il consigliere regionale della Lega Pasquale Ciacciarelli va all’attacco: “Dopo la mancanza di anestesisti ed il conseguente stop agli interventi ordinari, spunta un’altra grana all’ospedale Santa Scolastica di Cassino. Sembrerebbe, infatti, che il nosocomio  sia a corto di personale infermieristico; sarebbero un centinaio gli infermieri che si sono messi in malattia, il 30% per problemi certificati, gli altri a causa dello stress causato dalla mole di lavoro avuta negli ultimi mesi. Non possono continuare a spremere queste persone come limoni, se serve altro personale che lo assumano! La direzione dell’ospedale chiarisca subito l’effettivo status delle cose. È necessario un potenziamento dell’ospedale, più assunzioni. Il PD non può andare avanti con la politica dei nastri tagliati che poi si rivelano scatole vuote! La situazione sta assumendo tratti davvero drammatici ed a pagarne le spese sono, come sempre, i cittadini che vengono depauperati dei servizi essenziali. Andrò a fondo alla vicenda”.