Fca, nuova cassa integrazione e nuovi operai positivi

ECONOMIA – L’azienda questa mattina ha comunicato lo stop di una settimana ed ha aggiornato l’elenco dei lavoratori contagiati: sono 70 da inizio emergenza, ma sale la curva dei negativizzati. Ecco tutti i dati e i giorni di fermo produttivo

Ultimo giorno di lavoro per quel che riguarda il mese di novembre, oggi, nello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano. I cancelli chiuderanno questa sera alle 22 e riapriranno con molta probabilità il 9 dicembre: dunque dieci giorni di stop. Sempre questa mattina è stato aggiornato l’elenco per quel che riguarda gli operai che hanno contratto il Covid e chi si è già negativizzato.

Andiamo con ordine e partiamo dalla cassa integrazione: Fca Cassino plant ha comunicato un periodo di “cassa covid”, ovvero quella concessa dal Governo per l’emergenza sanitaria che non necessita di essere annunciata con 25 giorni di anticipo, dal 30 novembre al 4 dicembre per tutti i modelli, escluso il ‘Centro Presse’. Nei giorni di sabato 5 e domenica 6 dicembre i cancelli allo stesso modo resteranno chiusi e, anche se non c’è ancora l’ufficialità, e probabile che si rientri in fabbrica solamente dopo l’Immacolata: ovvero il 7 dicembre sarà “ponte” e si rientrerà il 9. Poi la produzione dovrebbe continuare regolare su Giulietta che entro fine anno dovrebbe uscire di produzione mentre, a ridosso della pausa natalizia, altra cassa potrebbe riguardare gli addetti alla linea di Giulia e Stelvio.

Per quel che riguarda i contagi da Covid 19 si arriva a un totale di 70 operai risultati positivi dal primo ottobre ad oggi, ma la stragrande maggioranza si sono negativizzati. Il maggior numero di positivi si è registrati al reparto presse, 16, di cui 12 sono guariti. Tra la catena di montaggio e gli altri reparti si contano altri 54 operai positivi, di cui 46 negativizzati. Ad oggi 27 novembre, dunque, gli operai assenti perchè positivi al Covid sono solamente 12. Si è nettamente piegata la curva dei contagi e si è impennata quella dei guariti.