Nonna Serafina spegne cento candeline. L’omaggio del sindaco

CASSINO – Dagli anni Venti del Novecento al Covid, passando per il secondo conflitto mondiale: un secolo ricco di storia

Il sindaco Salera con la centenaria Serafina Vettese – FOTO A. CECCON

Cento anni, e ben portati, in autonomia e lucidità. Li ha compiuti quest’oggi la signora Serafina Vettese. I suoi cari, i due figli, Franco ed Adele Iaconelli, i nipoti Sonia e Leonardo, la nuora, Vanda Turcano, l’amica Maria Cavacece che le tiene compagnia da oltre mezzo secolo, le hanno preparato una bella festa. Nella sua casa di largo San Domenico a Cassino è andato il sindaco, Enzo Salera, a farle gli auguri e a consegnarle una targa con su scritto: “ L’Amministrazione Comunale, a Serafina Vettese, in occasione del suo 100°compleanno”. Presenti a farle gli auguri anche amicizie di vecchia data.

La signora Serafina è vedova da molti anni di Leonardo Iaconelli, stimata persona, che gestì in passato una rinomata trattoria. In gioventù furono emigranti a Parigi da dove rientrarono nel 1939, “quando ci fu la dichiarazione di guerra” ha detto, ricordando perfettamente ogni cosa.

Dagli anni Venti del Novecento alla seconda guerra mondiale fino all’attuale pandemia “Nonna Serafina” ha spento cento candeline ricche di storia!