Covid, 201 casi e 5 morti in Ciociaria. Lazio, novità per i tamponi

CRONACA – Aumentano i contagi, intanto la Regione con Buschini annuncia la possibilità di fare i test nelle farmacie. E il sindaco Rotondo scrive alla Asl: “Utilizziamo l’ospedale di Pontecorvo per i pazienti non covid”. Oggi il sopralluogo di Ciacciarelli

Pasquale Ciacciarelli all’ospedale di Pontecorvo

“Nei prossimi giorni nelle farmacie del Lazio sarà possibile effettuare il test sierologico e il tampone rapido antigenico. A prevederlo un accordo siglato tra la Regione Lazio e le associazioni di categoria dei farmacisti, pubblicato oggi sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio. Il test sierologico avrà un costo non superiore ai 20 euro e la sua esecuzione avverrà su appuntamento. Il tampone rapido antigenico non potrà superare i 22 euro”.

L’annuncio arriva dal presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini, che precisa: ” Le farmacie potranno aderire su base volontaria. I test saranno svolti all’interno degli esercizi in spazi separati, ma qualora la farmacia ne fosse sprovvista, sarà possibile effettuarli durante l’orario di chiusura o in un ambiente esterno. Un servizio per la cittadinanza e un accordo che favorirà l’attività di tracciamento e contrasto del virus”.

Intanto alle 17.30 è stato diramato il bollettino regionale. Nelle ultime 24 ore, nel Lazio, su oltre 29.000 tamponi si registrano 2.608 positivi, in aumento di 455 rispetto a ieri. In tutto io Lazio si registrano 20 decessi e il rapporto tra tamponi e positivi si attesta all’8,8%. Nelle province si registrano 593 casi e sono quattordici i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 167 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano cinque decessi di 75, 79, 80, 84 e 87 anni con patologie.

Nella Asl di Frosinone si registrano 201 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano cinque decessi di 55, 59, 73, 78 e 91 anni con patologie.

ROTONDO SULLE ORME DI CIACCIARELLI

Intanto sempre oggi il sindaco di Pontecorvo Anselmo Rotondo ha scritto al nuovo manager della Asl. Nella missiva ha evidenziato: “La nostra struttura ospedaliera potrebbe essere riconvertita per dare ospitalità ai pazienti non covid, i quali potrebbero trovare le giuste risposte alle esigenze sanitarie”. Il consigliere regionale della Lega Pasquale Ciacciarelli oggi ha tenuto un sopralluogo nella struttura e ha spiegato: “L’ospedale di Pontecorvo ha tutte le caratteristiche per ospitare subito 100 posti letto”.