Covid, aumentano decessi e terapie intensive. Maccaro: “Non è andato tutto bene, ora facciamo del nostro meglio”

LA GIORNATA – Diramato il bollettino della Regione Lazio: nelle ultime 24h si registrano 1.995 nuovi casi su 25.000 tamponi. Rispetto a ieri 15 decessi in più. In Ciociaria i positivi aumentano di altre 184 unità. D’Amato: “Domani parte la formazione di 19 team per rafforzare i Drive-in nelle Asl”. L’assessore alla Coesione Sociale di Cassino: “Adesso possiamo farci carico insieme dei bisogni sociali di chi è più fragile adottando una delle tante famiglie in difficoltà”

I contagi continuano a salire in maniera vertiginosa. Oggi nel Lazio si registrano circa 1.995 nuovi casi su circa 25.000 tamponi effettuati: il rapporto tra positivi e tamponi si attesta intorno all’8%. “E’ prioritario raffreddare la curva dei contagi. Domani allo Spallanzani – dice l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato – verrà svolta la formazione di 19 team (composti ciascuno da un ufficiale medico e due sottoufficiali infermieri) del COI – Comando Operativo Interforze della Difesa che entreranno in campo per rafforzare il lavoro dei drive-in in tutte le Asl. Nelle province si registrano 519 casi e sono otto i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono centotrentasei i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso. Nella Asl di Frosinone si registrano centottantaquattro nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Undici sono ricoveri.

NON E’ ANDATO TUTTO BENE

Intanto di pari passi all’aggravarsi della situazione sanitaria, si aggrava anche quella economica e sociale. Anche e soprattutto sul nostro territorio, per questo l’assessore alla Coesione Sociale Luigi Maccaro lancia un appello a tutta la cittadinanza a fare rete.

Argomenta Maccaro: “Non è andato tutto bene. Ma adesso possiamo farci carico insieme dei bisogni sociali di chi è più fragile. Alcune cose che ognuno di noi può fare concretamente: d dedicare qualche ora al volontariato, presso una delle tante associazioni di Cassino oppure presso il Servizio di Volontariato Civico del Comune “Cassino Risponde”; offrire qualche piccolo aiuto al vicino di casa, nel nostro quartiere; fare la spesa in uno dei supermercati che partecipano alla raccolta alimentare del Comune lasciando nel carrello vicino alle casse un prodotto non deperibile; segnalare agli assistenti sociali del Comune (servizi.sociali@comunecassino.it) persone o famiglie in difficoltà che magari per dignità scelgono di non rivolgersi ai servizi”.

Infine ecco la proposta dell’assessore: ” Adottare una famiglia in difficoltà: i servizi sociali seguono numerose famiglie di Cassino. In maniera del tutto anonima possiamo offrire il nostro aiuto ad una di queste famiglie attraverso una sorta di “adozione”. Una spesa settimanale, una bolletta arretrata, un paio di scarpe nuove per i bambini, un regalo di Natale o un pranzo speciale… Non conoscerai la famiglia che hai aiutato né coloro che riceveranno l’aiuto sapranno mai chi è stato il benefattore ma riceverai notizie sugli effetti del tuo contributo. Un modo speciale per prepararsi al Natale che si avvicina. Insieme ce la possiamo fare, e… anche se non dovesse andare tutto bene, saremo certi di aver fatto del nostro meglio”.