“Delli Colli non crede ai bus strapieni? Salga a bordo”

CRONACA – Il dirigente dell’Itis Merino invita l’assessore a fare un viaggio insieme nelle navette. Poi scrive al preside dello Scientifico per programmare azioni congiunte. Il rettore Betta dirama una circolare con tutte le novità che entreranno in vigore all’Unicas da lunedì: in Ateneo a lezione solo su prenotazione. Ecco cosa cambia e come fare

Le navette con a bordo gli studenti dell’Itis

“All’assessore Chiara Delli Colli non risultano particolari disagi per quel che riguarda il trasporto scolastico da e per gli istituti della Folcara? Invito pubblicamente l’assessore a viaggiare con me sulle navette  alle 8.15, orario di ingresso a scuola, e alle 13.30, orario di uscita. Insieme potremmo verificare che i mezzi viaggiano affollati. All’assessore  chiedo, inoltre, un incontro  congiunto con il collega Salzillo. Noi, dirigenti, vogliamo risolvere il problema”. L’appello arriva dal preside dell’Itis “Majorana” Merino dopo che l’assessore Dellli Colli ha dichiarato di  non essere a conoscenza di particolari disagi sulle navette. 

Il dirigente dell’Itis si rivolge anche al suo collega dello Scientifico Salzillo e in una missiva a lui indirizzata scrive: “Caro collega, la situazione attuale mi impone di condividere con te  le mie  preoccupazioni  circa le problematiche relative al trasporto dei nostri studenti; gradirei, quindi,  incontrarti al più presto per individuare insieme possibili soluzioni .Ritengo che un piano di azione comune, debitamente concordato, possa permetterci di affrontare al meglio  le numerose difficoltà relative al trasporto  che l’emergenza sanitaria di questi giorni ha reso ancor più rischioso  e complesso. 

Entrambi dirigiamo  due istituti  frequentati da oltre un migliaio di studenti che raggiungono ogni giorno, con non poche difficoltà e senza alcuna sicurezza dal punto di vista sanitario, le proprie  scuole. Urge, a mio avviso, una organizzazione e pianificazione  comune che possa   tutelare  studenti e personale docente e non docente. Credo che sia  importante incontrarci e prevedere, eventualmente,  anche la partecipazione dei rappresentanti del relativi Consigli di Istituto al fine di trovare soluzioni idonee e ottimizzare  così i tempi  di azione”.

QUI UNIVERSITA’

Anche l’Unicas si organizza in vista delle nuove normative. Il rettore Giovanni Betta comunica: “Al fine di ottemperare a quanto previsto dall’ordinanza emanata in data 21 ottobre 2020 dal Ministro della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Lazio, contenente disposizioni per il potenziamento della didattica digitale integrata nelle Università, l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale adotterà, da lunedì 26 ottobre 2020,le seguenti misure.

La prenotabilità delle aule sarà ridotta dall’attuale 50% al fine di ridurre il numero massimo di studenti presenti contemporaneamente nelle strutture universitarie; il sistema di prenotazione dei posti aula inibirà la prenotazione al superamento della soglia fissata dall’ordinanza (25% degli studenti iscritti); sul sito web dell’Ateneo, nella sezione dedicata all’emergenza Coronavirus, www.unicas.it/33939, sarà disponibile, da lunedì 26 ottobre, il link dove sarà possibile reperire il dato relativo al numero degli studenti che hanno avuto accesso alla struttura. Il dato sarà aggiornato ogni giorno a fine giornata e ci permetterà di dare evidenza pubblica al rispetto di quanto disposto dall’ordinanza regionale.