Covid, in Fca il conto dei contagiati arriva a 17: un nuovo caso alle presse. E in giornata si attendono altri risultati

CRONACA – Positivo un manutentore: la conferma è arrivata ieri. Molti operai in questi giorni si sono sottoposti al tampone, nelle prossime ore potrebbero esserci ulteriori novità. Da questa mattina sono tornati in fabbrica gli addetti alla linea di Giulietta, ancora cassa su Giulia e Stelvio

Gli operai dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano

Un altro operaio dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano è risultato positivo al tampone. Dal primo ottobre, quando si è verificato il primo caso al reparto “sottogruppi”, il conto dei lavoratori che hanno contratto il Covid 19 in Fca sono diciassette. Erano sedici fino alla scorsa settimana. Poi lunedì è scattata la cassa integrazione ma nella giornata di ieri si è avuta la conferma di un altro operaio positivo: si tratta di un manutentore addetto alle presse a caldo, finora il reparto dove si è registrato il maggior numero di casi.

Ma tutti i casi che si sono verificati fino ad oggi sembrerebbero non essere legati l’un l’altro. Cosa significa? Che non si è sviluppato nessun focolaio all’interno di Fca, dove i protocolli per la sicurezza vengono attuati in maniera anche piuttosto rigida. Si tratta invece di casi collegati a link esterni. Ma con ogni evidenza ogni operaio che è risultato positivo ha comunque avuto rapporti anche con i colleghi.

Per questo motivo nella giornata di lunedì sono stati eseguiti un discreto numero di tamponi tra i lavoratori. E non è quindi escluso che già nelle prossime ore, ovvero entro la giornata di oggi, possano esserci ulteriori comunicazioni da parte dell’azienda circa gli operai risultati positivi. La speranza di tutti è ovviamente quella che il numero non cresca in maniera esponenziale, ma sia sempre sotto controllo.

Ieri e l’altroieri i cancelli dello stabilimento sono stati chiusi: cassa integrazione su tutti e tre i modelli. Questa mattina sono tornati sulle linee della catena di montaggio gli addetti alla linea di Giulietta, la compatta di segmento C di Alfa Romeo che entro la fine dell’anno uscirà fuori produzione. Cig fino a venerdì, invece, per le tute rosse che lavorano sulle linee di Giulia e Stelvio: rientreranno in fabbrica lunedì prossimo. Con la speranza che questi giorni possano essere di aiuto anche per frenare l’impennata dei casi che riguarda non solo lo stabilimento pedemontano e il territorio del Cassinate ma tutto il Paese.