Coprifuoco a mezzanotte e scuola a metà: ecco la stretta della Regione Lazio

CRONACA – Riunione in videoconferenza con i sindaci del Lazio. Il vice di Zingaretti annuncia le misure: saranno attive dal weekend. Da lunedì prossimo didattica a distanza al 50% alle Superiori e 75% all’università. Buschini: “Ce la faremo”. Salera: “Bene così, non servono azioni comunali a macchia di leopardo”

Il sindaco Salera durante la call con la Regione

Coprifuoco dalla mezzanotte alle 5 del mattino nel weekend e didattica a distanza all’università e alle scuole superiori. La regione Lazio prepara una ulteriore stretta. L’ordinanza verrà emanata entro la serata al massimo domani e dovrebbe essere attiva a partire già da questo weekend; per quanto riguarda le scuole si partirà invece da lunedì.

Il vice presidente della Regione Lazio Daniele Leodori nella videoconferenza con i sindaci del Lazio èstato esplicito: “I numeri dei contagi sono impietosi, bisogna intervenire subito”. Quindi ecco le misure annunciate. Per quel che riguarda la movida, nel weekend ci sarà il coprifuoco dalle 24 alle 5. Un’ora in più rispetto alla richiesta che era stata fatta dal sindaco Salera per non penalizzare le pizzerie, ma i sindaci volendo possono a loro volta portare una ulteriore stretta, se necessario.

L’assessore D’Amato ha spiegato che si sta lavorando per portare a 2.600 i posti letto Covid, di cui 530 per terapie intensive e sub intensive. E la scuola? In sinergia con la conferenza dei rettori del Lazio si è deciso di aumentare fino al 75% la didattica a distanza nelle università mentre per le scuole superiori le lezioni in presenza non dovranno superare il 50%, in modo da alleggerire anche il trasporto pubblico: ogni istituto potrà organizzarsi in autonomia come ritiene.

Il sindaco Enzo Salera, primo ad intervenire, ha spiegato: “Io avevo proposto la chiusura dalle 23 alle 5 ma se avete fatto questa scelta la rispetterò perchè crediamo che gli interventi a macchia di leopardo di ogni singolo comune non abbia senso. Per questo motivo chiedo che sia la Regione a fare un provvedimento ad hoc anche per quel che riguarda gli assembramenti”. Un ragionamento condiviso dal sindaco di Latina Coletta e su tutti ha chiosato il presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini: “Tutti insieme ce la possiamo fare, sicuramente ce la faremo”.