“Con il museo ci faccio sta ceppa!”. Scontro social tra Corte e Costanzo

CORENO AUSONIO – Prima lo scambio di accuse sulla “piazza virtuale”, poi Paese Nuovo e Bene Comune si sono date battaglia in Consiglio senza risparmiare colpi sotto la cintura. Dopo l’assise, la schermaglia è continuata su Facebook: a colpi di post. Domani il conflitto si trasferisce nella “piazza reale” e il comizio del sindaco si annuncia scoppiettante

A dare fuoco alle polveri era stato nei giorni scorsi l’ex sindaco Domenico Corte. Un filmato per documentare l’incuria di alcune zone del paese e poi un’accusa ben precisa: l’amministrazione Costanzo ha volutamente dimenticato ed ignorato una ricchezza del paese, che è una “creatura” dell’amministrazione Corte: il museo del marmo in località Casale. Il sindaco Simone Costanzo ha respinto le accuse al mittente e ha risposto con le carte. Il botta e risposta è andato in scena giovedì su LeggoCassino.it. Quando l’articolo con le posizioni a confronto è finito sui social, si è scatenata un’altra guerra. Alla quale hanno preso parte non solo i “tifosi” di uno o dell’altro schieramento, ma direttamente il sindaco Simone Costanzo e il suo predecessore alla guida del Comune.

Ad accendere la miccia è ancora una volta il consigliere Corte: “L’opposizione non fa finta di non sapere, ma sa perfettamente che l’attuale amministrazione ha rimosso, l’amianto abbandonato in località “Petrete”, solo nel mese di maggio 2020, dopo aver fatto l’Atto di Impegno a Dicembre 2019, avendo utilizzate le somme inserite in Bilancio dalla nostra Amministrazione Comunale che, ad Aprile 2019, aveva programmato tale smaltimento. Così come sappiamo che per sollecitare la rimozione dell’amianto, non serviva vedere il vostro impegno di spesa di qualche giorno fa, perché da novembre 2019 è in bella mostra sulla Via principale della “Campagna”, così come le continue perdite d’acqua e l’erbaccia e le sterpaglie lungo le varie strade comunali e vicinali. Fermo restando che abbiamo forti dubbi sulla completezza dell’intervento di smaltimento che verrà effettuato in zona Casale”.

Coreno Bene Comune cambia bersaglio: “L’ex maggioranza faccia chiarezza e non svii sull’Ecomuseum. Chi ha realizzato l’impianto elettrico? C’è il certificato? Inizia un botta e risposta a colpi di documenti scovati e da scovare. Corte preferisce la piazza reale, a quella virtuale. E lancia il guanto di sfida: “Lunedì vengo in Comune”. Ma la sfida sui social va avanti. E si concentra sull’ecoroyal museum. Costanzo spiega: “Non vogliamo scomodare nessuno e le delibere e determine le sappiamo trovare e leggere ma purtroppo tutti gli atti comunali adottati dalla precedente amministrazione non chiariscono gli interrogativi posti e visto che i lavori sono stati eseguiti (non si sa da chi) sotto l’ex amministrazione che ha aperto il museo ci sembra normale chiedere loro spiegazioni. Comunque attendiamo ancora una risposta precisa e speriamo di non rivivere come per l’asilo nido l’inaugurazione, l’apertura per 2 anni senza l’agibilità prescritta chiaramente in questo caso l’inaugurazione e l’apertura senza sapere chi ha eseguito i lavori elettrici e senza il collaudo e le certificazioni richieste”.

Paese Nuovo con l’ex sindaco Corte non si arrende: “Nonostante le accuse gratuite e propagandistiche, con cui state cercando solo di mascherare il grande disinteresse e menefreghismo verso il Museo, chiarito molto bene l’altra sera in Consiglio Comunale dal Delegato al Turismo, quando ha dichiarato “Con il museo ci faccio sta Ceppa”, cercherò di farvi avere tutte le Delibere e le Determinazioni relative al Museo, recuperando le attraverso il Sito Ufficiale del comune.Per la Certificazione dovreste invece rivolgervi all’Ufficio Tecnico Comunale e alla Ditta incaricata con regolare Determinazione”.

IL PERLATO ROYAL GUARDA AGLI USA

Il sindaco Simone Costanzo invita a non estrapolare una frase da un concetto più ampio e annuncia i progetti per valorizzare il marmo di Coreno: nei giorni scorsi ha infatti scritto una nota ufficiale al collega Sindaco della Città di Cleveland negli Stati Uniti dove risiede una comunità importante di corenesi emigrati per augurare Buon Italian American Heritage Month! “Ho colto pertanto l’occasione, dato anche il momento particolare che vivono entrambe le nostre comunità, per salutare, con una nota ufficiale il Sindaco Jackson e il Consigliere Comunale Matt Zone, che si occupa dell’organizzazione e della gestione della ricorrenza, e ricordare il continuo e straordinario impegno del CIAC, motivo di vanto, onore e orgoglio per Coreno e per l’Italia”. Poi Costanzo insieme al vice Sindaco Angelo Urgera ha ricevuto in Comune una visita di una delegazione della Provincia di Varsavia Ovest  guidata dal Presidente Jan Zychlinski accompagnata dal Sindaco di Castelnuovo Parano Oreste De Bellis.

Nel corso dell’incontro abbiamo parlato del gemellaggio tra Coreno e Blonie e sentito telefonicamente il Sindaco Zenon Reszka e dell’attività del Comune di Coreno di intensificare questo gemellaggio in un progetto Europeo che vede protagonista il Comune di Ventotene, patria dell’Europeismo di Altiero Spinelli.Come amministrazione nonostante il momento siamo impegnati a rafforzare i nostri rapporti con i cugini polacci e a stringere rapporti con la città oltreoceano di Cleveland dove risiedono numerosi corenesi emigrati con la finalità di rafforzare i legami di amicizia e solidarietà e per provare a dare impulso anche a relazioni commerciali di promozione delle nostre ricchezze con in testa la famosa pietra ornamentale Perlato Royal.

E domani alle ore 11.30 è in programma un comizio pubblico in piazza Umberto I per rendicontare alla cittadinanza in merito all’attività amministrativa. Un comizio che si annuncia scoppiettante dopo lo scontro che si è consumato sulla piazza virtuale dei social.