Nocione, al via le indagini geofisiche

CASSINO – La regione Lazio ha dato l’ok al primo step per la bonifica del sito dopo il costante pressing del consigliere Riccardo Consales e dell’assessore Emiliano Venturi.Ora si riunirà la Consulta dell’ambiente

La Regione Lazio ha dato l’ok al Comune di Cassino per procedere con il primo stop della bonifica del Nocione. Si tratta, nella sostanza dei fatti, delle indagini geofisiche. Dopo il costante dell’assessore all’ambiente Emiliano Venturi e del consigliere Riccardo Consales.

Spiega il sindaco Enzo Salera: “La Regione Lazio con determina n.G11560 del 07/10/2020 ha approvato il primo step del progetto delle indagini in sito che riguardano l’area di Nocione.

Come in tante altre occasioni, oggi ci troviamo a risolvere problematiche in cui, persone senza scrupoli, in passato hanno avuto forti responsabilità; ma sappiamo che è fondamentale che tutti i cittadini della nostra città si riapproprino del diritto di vivere in un luogo sicuro, in un luogo non inquinato.

Il progetto prevede l’avvio, dunque, a partire già dalle prossime settimane, delle indagini geofisiche per definire la profondità e l’estensione dei rifiuti interrati a Nocione. Successivamente, si procederà, sempre in coordinamento con la Regione Lazio, con il secondo step.

La maglia delle indagini dirette (carotaggi e prelievi di campione di acqua e di suolo) verrà allargata anche all’area circostante. Ciò consentirà di valutare l’estensione dello stato di contaminazione delle matrici ambientali.

In questi mesi l’assessore Emiliano Venturi ed il consigliere Riccardo Consales si sono confrontati in più occasioni ed in maniera fattiva con gli uffici della dott.ssa Tosini, direttore dell’area bonifiche, cui va il ringraziamento per l’impegno attuato.
E anche grazie all’impegno del nuovo dirigente dell’area bonifiche, l’Ing Befani, e all’impegno dei suoi collaboratori, si è riusciti a far partire il procedimento che tutta la città di Cassino ci chiedeva.

Questo è solo il primo step ma altri interventi sono in programma volti alla risoluzione delle problematiche ambientali del nostro territorio.

Nei prossimi giorni sarà convocata la Consulta dell’Ambiente per illustrare il progetto delle indagini e condividere le futuri azioni a riguardo.

Una città più pulita che cambia, in meglio”.