Mennea day, alla staffetta di Cassino un’atleta… di famiglia

SPORT – Domani allo stadio “Salveti” l’ottava edizione per ricordare la Freccia del Sud. A percorrere i 200 metri ci sarà anche la moglie che passerà il testimone al rettore dell’Unicas Giovanni Betta. In gara anche tanti amministratori e, come sempre, tante famiglie. I più veloci puntano a battere il record

Un ospite di eccezione per l’ottava edizione del “Mennea day”. Ogni anno, come da tradizione, a Cassino – così come in tante città italiane – l’evento ricorre il 12 settembre. Non una data a casa: in quel giorno, infatti, nel 1979 allo stadio Azteca di Città del Messico Pietro Mennea stabiliva il record del mondo sui 200 metri con 19’72”: è un tempo che è ancora il primato europeo. Il quarantennale non è passato sottotraccia e per l’occasione il Centro Universitario Sportivo di Cassino ha organizzato un evento più ricco del solito.

Quest’anno invece il 12 settembre non si è svolto nessun evento: alcune città, vista anche l’emergenza sanitaria in corso hanno deciso di annullare l’evento. Altre di posticipare in altra data. E’ questo il caso di Cassino che ha scelto la settimana europea dello sport, ovvero l’iniziativa lanciata nel 2015 dalla commissione europea per promuovere lo sport e l’attività fisica in tutto il Continente e che quest’anno questo appuntamento assume un significato particolare a causa della pandemia in corso. La settimana va dal 23 al 30 settembre. E così il vulcanico presidente del Cus Cassino Carmine Calce anzichè lasciare ha voluto raddoppiare e la staffetta in onore della Freccia del Sud si terrà all’interno di tale settimana, più precisamente il 30 settembre: per quel giorno ha dato infatti la sua disponibilità ad essere presente Manuela Olivieri, moglie di Pietro Mennea. Percorrerà i 200 metri sulla pista intitolata a Mennea all’interno dello stadio “Salveti” di Cassino con il suo cane, per poi passare il testimone a Giovanni Betta. Il rettore dell’Università di Cassino passerà a sua volta il testimone al sindaco Enzo Salera.

In corsa anche il presidente del Consiglio Barbara Di Rollo e tanti altri amministratori ed esponenti delle istituzioni locali, non solo politici: in prima linea, come sempre anche i vertici della Banca Popolare del Cassinate. A chiudere la staffetta dei “big” sarà il presidente Carmine Calce dopodichè, come sempre la vetrina sarà tutta per gli atleti e per le famiglie che intenderanno partecipare, anche con i piccoli: non ci sono limiti di età. Parteciperanno anche le scuole: ha già dato la sua adesione l’Istituto “Medaglia d’oro” con in testa il preside Marcello Bianchi, i tirocinanti di Scienze Motorie, il Cus Cassino scherma e gli atleti dell’arrampicata guidati dalla professoressa Cristina Cortis.

L’appuntamento per tutti è alle ore 14.30 nello stadio “Salveti”. Dopo le iscrizioni e consegna della maglietta (donata gratuitamente dal Cus Cassino), alle ore 15 tutti ai nastri di partenza per l’inizio della staffetta. Prima della gara (non agonistica) ci sarà come sempre la deposizione di un mazzo di fiori sulla targa che si trova all’impianto sportivo dedicata a Pietro Mennea. “Uno degli impegni che prenderemo quest’anno alla presenza della moglie di Pietro Mennea – dice il presidente del Cus Cassino Carmine Calce – sarà quello di realizzare quanto prima un busto di bronzo per onorare la Freccia del Sud”.