Manutenzione, Terranova replica a Calvani. «Ecco come è già cambiato e cambierà ancora San Bartolomeo»

CASSINO – Il consigliere comunale fa chiarezza sugli interventi fatti nel popoloso quartiere e su quelli in programma per quanto riguarda la sicurezza

Il consigliere comunale Edilio Terranova

Il consigliere comunale Edilio Terranova replica a Osvaldo Calvani in merito alle sollecitazioni fatte nei giorni scorsi per quel che riguarda la manutenzione (LEGGI QUI: Appello di Calvani a Salera). Argomenta il capogruppo della lista “Salera sindaco”: «In appena un anno di amministrazione abbiamo fatto fare tre interventi nel quartiere di San Bartolomeo, non era mai avvenuto negli ultimi quattro anni, compreso un primo taglio degli alberi nel periodo opportuno, taglio che quando ero all’opposizione avevo più volte sollecitato all’amministrazione D’Alessandro e non lo aveva mai fatto».

Prosegue Terranova: «Il quartiere non è mai stato così pulito come adesso, basta farsi una passeggiata. Manca solo il primo tratto di via Pertini da ultimare e l’area del campo polivalente in viale Einaudi. Non è stato ultimato insieme al resto perché, semplicemente, abbiamo dovuto spostare le forze lavoro per dare una sistemata alle scuole in quanto a giorni riaprono tutte ed era opportuno dargli un po’ di decoro.

Inoltre – prosegue Terranova – è già nel programma un secondo taglio con relativa sistemazione delle piante che avverrà, come l’anno precedente, nel rispetto delle normative vigenti entro il mese di ottobre, prima non è possibile, ed inoltre abbiamo già previsto di togliere qualche albero secco pure pericoloso, che questi sì, sono proprio sul primo tratto di via Pertini e già lo avevo sollecitato alla vecchia amministrazione ma come dice una vecchia canzone “sono ancora là” anche se per poco. Molto presto il nostro Sindaco – conclude il consigliere – ci porterà a conoscenza di un altro grande progetto con bando regionale sulla sicurezza, che grazie soprattutto al consigliere Riccardo Consales che lo ha preparato verrà attuato nel nostro popoloso quartiere».